Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Chirurgia dell’ernia addominale, prima conferenza mondiale

Indietro

Chirurgia dell’ernia addominale, prima conferenza mondiale

Chirurgia dell'ernia addominale - Fotolia
Chirurgia dell'ernia addominale - Fotolia






vota


L’ernia è tra le cause più comuni di ricovero ospedaliero. Ogni anno si contano 700.000 casi in Italia e 7 milioni di pazienti nel mondo. Dal 25 al 29 aprile, gli esperti provenienti da diverse nazioni si incontrano a Milano per la prima conferenza mondiale sulla Chirurgia dell’ernia addominale.

 
Cos’è l’ernia?
Lo spiega bene il Dott. Giampiero Campanelli, ordinario di chirurgia generale all’università degli Studi dell’Insubria di Varese, direttore di Chirurgia generale Day e Week surgery all’Istituto clinico Sant’Ambrogio di Milano e tra i principali relatori della prima conferenza mondiale sulla Chirurgia dell’ernia addominale:
 
“Le ernie inguinali e addominali sono provocate dalla fuoriuscita di una parte di un viscere dalla cavità addominale. Le ernie possono provocare dolore e fastidio, e l’unico mezzo per risolverle è la chirurgia. Oggi abbiamo a disposizione innumerevoli tecniche per eliminare un’ernia velocemente e con successo: in circa il 70% dei pazienti si tratta per fortuna di ernie semplici che possiamo operare con interventi mininvasivi, rapidi, spesso in anestesia locale”.
 
Le cause dell’ernia possono essere diverse: familiarità, sforzi protratti, precedenti interventi chirurgici. Chi ha un’ernia sperimenta un disturbo pungente e doloroso a cui si può rimediare solo con la chirurgia che interviene inserendo una rete – in materiali sintetici non assorbibili o assorbibili solo in parte – capace di contenere la sezione dell’organo fuoriuscito per evitare il peggioramento dell’ernia.
Nel 70% dei casi l’ernia potrebbe essere curata in day surgery senza la necessità che il paziente resti in ospedale, eppure questo accade solo di rado.
 

Come si può migliorare l’intervento chirurgico per la cura di un’ernia addominale?

Per rispondere a questa domanda, gli esperti da tutto il mondo si sono incontrati a Milano per la prima conferenza dedicata alla chirurgia dell’ernia. L’obiettivo della conferenza è stabilire le linee guida internazionali per il trattamento dell’ernia addominale, creare le condizioni ottimali per favorire l’operazione in day surgery e limitare la degenza del paziente in ospedale, presentare il risultato di studi scientifici e nuove modalità chirurgiche.
 

Facebook e tecnologia per la cura dell’ernia

Tra gli approcci innovativi c’è lo studio condiviso di referti, esami e casi clinici attraverso gruppi privati sui social network, Facebook innanzitutto. I medici si incontrano virtualmente e in tempo reale per avviare un confronto sui dati riguardanti un paziente e trovare, insieme, la soluzione più rapida, efficace e appropriata al singolo caso. Il sostegno dei social network alla prassi medica non è una novità assoluta ma una risorsa nuova per i chirurghi che intervengono sulle ernie addominali.
 
Fonti e approfondimenti: ansa.it, corrieresalute.it


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/07/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti