Informati su un esame, un trattamento, una prestazione sanitaria

Prick test


Il Prick test è una prova diagnostica che si usa in allergologia per evidenziare la presenza di allergie sia alimentari che per inalazione.

L’allergia è un segnale forte da parte dell’organismo che non tollera una determinata sostanza detta allergene. Ci sono allergeni che più di altri scatenano delle reazioni di ipersensibilità, per esempio le graminacee nell’ambito delle allergie alimentari e gli acari della polvere in quello delle allergie per inalazione.

Per sapere qual è la sostanza che provoca reazioni allergiche si esegue il Prick test. È un esame veloce, economico e indolore per il paziente che, in caso di positività all’allergene, avverte prurito intenso per circa 1 ora, solo in rari casi ci possono essere risposte più importanti come nausea e convulsioni.

Gli allergeni più testati attraverso il prick test sono graminacee, parietaria, acari della polvere, olivo ed epitelio di gatto, latte e derivati, uova, pesci e arachidi.

Come si esegue il prick test? L’allergologo posiziona sull’avambraccio del paziente una goccia di ogni allergene di cui vuole testare la tollerabilità. Il medico deve fare attenzione a posizionare le varie sostanze a una distanza di almeno 2.5 cm, altrimenti sarebbe troppo alto il rischio di contaminazione tra gli allergeni e, dunque, la probabilità di invalidare il test stesso.
Nella seconda fase dell’esame, l’allergologo pizzica (prick) la goccia di allergene con una lancetta sterile in modo che la sostanza penetri nella cute superficiale. È importante sottolineare che il medico deve usare una lancetta diversa per ogni allergene che dovrà pizzicare, così da garantire l’assenza di contaminazioni. Fatto ciò, si aspettano circa 15 minuti e trascorso questo tempo il medico controlla se sulla pelle del paziente ci siano segni sospetti di reazione allergica. Il primo sintomo di allergia è un ponfo rosso, molto simile a quello che si forma dopo il morso di una zanzara.

In questo modo, grazie al Prick test l’allergologo può mostrare al paziente qual è il motivo dei suoi disturbi e, se necessario, avviare una terapia allergologica mirata.

A quale età si può fare il prick test? In genere, salvo casi particolari, si consiglia di fare il prick test dopo i 3 anni di età: prima si rischia di interpretare i risultati in modo errato, anche perché la risposta agli allergeni si stabilizza crescendo. Anche per questo motivo si può eseguire il prick test in qualunque fascia dell’età adulta.


Ti potrebbe interessare anche: Visita allergologica



Tag: allergie
Specialisti: Allergologia

Da NOTIZIE PER LA SALUTE , BLOG e ATLANTE ANATOMICO

Analisi del sangue per evidenziare da infiammazioni a disfunzioni epatiche

VES - VELOCITÀ DI ERITRO SEDIMENTAZIONE: L’analisi del sangue detta VES in pratica calcola il tempo necessario perché la parte solida del sangue (globuli rossi)...

Allattamento al seno o artificiale: nutrizione del neonato prima dello svezzamento

L’allattamento può essere al seno o artificiale. Il latte materno è il latte migliore nel primo anno di vita, perché ha una composizione ideale per la nutrizione...

Allergologia cura le reazioni agli agenti esterni

L'allergologia è una branca della medicina che si occupa della prevenzione, della diagnosi e del trattamento delle allergie, delle patologie caratterizzate da ipersensibilità...

Ipertrofia dei turbinati: difficoltà respiratorie causate da allergie e ipereattività nasale

L'ipertrofia dei turbinati è un aumento del volume dei turbinati, causa di difficoltà respiratorie. I turbinati sono quelle strutture ossee ricoperte da una mucosa ipervascolarizzata...




ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016