Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
BPamela
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Buongiorno, sono nuova su questo forum e mi scuso se magari sbaglio ad utilizzarlo in qualche modo.
Ho un quesito che mi angoscia e cerco pareri anche se mi rendo perfettamente conto che non è facile senza cartelle cliniche o esami diagnostici sotto mano.

Mio padre, 73 anni, nessun problema fisico in particolare, pressione un po' altina che tiene sotto controllo con una pasticca giornaliera, ha scoperto poco tempo fa di avere un aneurisma all'arco aortico.
Il 9 settembre scorso si è sottoposto ad un intervento programmato da tempo.
Intervento difficile, eseguito con l'ausilio della circolazione extracorporea ma comunque riuscito bene.
Ci è stato spiegato che sono nelle 48 ore successive all'intervento si potevano valutare eventuali danni subito dai vari organi per la mancata perfusione.
Il cervello è stato comunque sempre perfuso tramite macchina esterna.
Il giorno successivo mio padre si è lentamente risvegliato e rispondeva già agli stimoli esterni. Essendo intubato ovviamente non poteva rispondere a voce ma alle domande rispondeva muovendo la testa o stringendo la mano.
Due giorni dopo, il risveglio maggiore lo ha messo in grossa agitazione per il dolore ma anche perchè non tollerava l'intubazione.
E' stato quindi risedato per tenerlo calmo ed evitare picchi di valori dannosi.
Tre giorni dopo ci viene detto che ha subito un grave shock settico e che le sue condizioni sono gravi.
Dopo settimane di terapie a cui il suo organismo ha risposto molto lentamente, le sue condizioni sembrano migliorare.
Febbre assente, valori rientrati, dialisi non piu necessaria, polmoni che tornano a funzionare, viene sottoposto a trachestomia e il 3 ottobre scorso viene sospesa la sedazione per avviare la procedura di risveglio.
In questo lasso di tempo, anche per monitorare tutti gli altri organi, viene sottoposto a svariate TAC total Body le quali rilevano delle piccole ischemie transitorie a livello celebrale che ci spiegano essere "tipiche" di questo genere di interventi, ma ci rassicurano sul fatto che siano localizzate e in fase regressiva.
Sono passati 10 giorni dalla sospensione dei sedativi pesanti a cui è stato sottoposto per 3 settimane ma mio padre non dà segni di coscienza.
Ha gli occhi aperti, segue le figure, se vede persone di famiglia le fissa come se le avesse riconosciute, tenta il movimento di qualche arto, ma non riusciamo a capire se sia "lucido", se ci riconosca davvero, se questo stato è transitorio prima di un risveglio definitivo, per noi è la prima volta che ci troviamo a vivere un'esperienza cosi disarmante e non sappiamo che pensare.
Oggi verrà sottoposto a risonanza magnetica per valutare eventuali danni post intervento.
Io ho delle domande che spero possano trovare qualche risposta obiettiava qui:

1 - se le varie TAC non avevano trovato lesioni preoccupanti e comunque in fase di regressione, cosa potrebbe evidenziare una risonanza di diverso?

2 - se mio padre nei primissimi momenti di risveglio post operatorio era lucido, rispondeva alle domande e ha subito riconosciuto mia madre, cosa potrebbe essere cambiato in queste 3 settimane di sedazione? (premettendo che la setticemia non aveva raggiungo l'encefalo ma si era fermata a polmone e un tratto di intestino)

3 - una persona che tendenzialmente ha mostrato una certa lentezza a rispondere alle terapie a cui è stato sottoposto pesantemente, ora che non è più in dialisi potrebbe avere lentezza anche a smaltire anestetici vari?

Siamo nell'angoscia piu totale e ogni volta che chiediamo informazioni ai medici della terapia intensiva ci danno risposte poco chiare e anche discordanti tra loro.

Grazie in ogni caso.
Inviato: 14/10/2021, 7:31
 
1 messaggio
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Visita geriatrica

La visita geriatrica è una visita medica consigliata alle persone che hanno superato i 65 anni di età. Il geriatra effettua un normale controllo medico del tutto simile alle visite specialistiche di a...







NOTIZIE PER LA SALUTE

LUPUS INDOTTO DA FARMACI

Il Lupus indotto da farmaci (antiaritmici, antipsicotici e antibiotici) regredisce alla sospensione ...

Insonnia

Diminuzione della quantità e qualità del sonno e, in base all'intensità e alla durata del disturbo, ...

Il tanatologo forense distingue tra morte e non-morte

Per il tanatologo forense la morte cerebrale è un criterio per redigere la diagnosi di morte,...

In arrivo una nuova pillola dimagrante In arrivo una nuova pillola dimagrante

Dopo ben due anni di dubbi e tentennamenti la Food and Drug Administration (Fda) ha dato il via libe...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Mariella Agresti

Il Neurologo a Grosseto Dr Mariella Agresti, dopo oltre 30 anni di esperienza os...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.