Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Cellule staminali del cordone ombelicale: conservarle o donarle?

Indietro

Cellule staminali del cordone ombelicale: conservarle o donarle?

Conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale
Conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale






vota


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Oggi è possibile affidarsi sia a banche private, per la conservazione cellule staminali, sia a strutture pubbliche, per quanto concerne la loro donazione. Tutte le coppie che sono in attesa di avere un bambino dovrebbero essere informate circa queste due possibilità, in modo da poter effettuare una scelta informata. La donazione e la conservazione sono una garanzia per l’eventuale trattamento di molte patologie cui potrebbero andare incontro il bambino stesso, i membri della sua famiglia o altri individui. Vediamo come funzionano la conservazione e la donazione.

 

Donazione pubblica: le cellule staminali cordonali sono messe a disposizione, e quindi donate, a una struttura del sistema pubblico presente sul territorio nazionale. Il campione raccolto non è più di proprietà dei neo genitori e sarà conservato e reso disponibile dalla struttura pubblica affinché sia utilizzato in trapianti allogenici. I casi di patologie “geneticamente determinate” sono stati indicati, da parte del Ministero della Salute[1], come eccezioni per le quali viene effettuata la donazione per uso dedicato: in questi casi le staminali restano a esclusiva disposizione dei familiari di persone affette da malattie per le quali l’utilizzo delle cellule staminali a fine terapeutico è consentito. Le statistiche a nostra disposizione dicono che nel nostro Paese nel 2015 i nuovi nati sono stati circa 488mila[2] e di 17.800 unità di sangue cordonale prelevate i dati del CNS (Centro Nazionale Sangue) rivelano che solo 1.704[3] sono state conservate nelle 19 biobanche pubbliche. La maggior parte dei cordoni ombelicali è finita tra i rifiuti biologici.

 

Conservazione privata: il Decreto Ministeriale del 18 novembre 2009 stabilisce che solo presso biobanche con sede all’estero la conservazione privata del sangue del cordone ombelicale può essere effettuata. I campioni di sangue cordonale conservati privatamente restano di proprietà della famiglia e di conseguenza possono essere utilizzati sia in trapianti autologhi (chi si sottopone al trapianto di cellule staminali è colui dal quale sono state prelevate) sia in trapianti allogenici intra-familiari (chi si sottopone al trapianto è un membro della famiglia del donatore). Si riscontra una compatibilità fino al 50% se a sottoporsi al trapianto sono i genitori del donatore, e fino al 25% se sono i fratelli o sorelle e ciò in virtù del fatto che maggiore è il grado di parentela, maggiori sono le possibilità di compatibilità.

 

Successi conseguiti: la conservazione privata ha consentito il trapianto autologo a una bambina di tre anni affetta da leucemia linfoblastica acuta. A sei anni dall’intervento la bambina è sana e conduce una vita normale[4]. Jan[5], affetto da anemia aplastica, è guarito con un trapianto intra-familiare grazie alle cellule staminali cordonali del fratellino. Questi sono esempi di come la donazione e la conservazione consentano il trattamento di patologie e di come sia importante il loro obiettivo: evitare che preziose cellule staminali siano sprecate.

 

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

Note

[1] Decreto Ministeriale 18 novembre 2009 “Disposizioni in materia di conservazione delle cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo-dedicato”.
[2] Dati Istat.
[3] Report 2015 riportato dal CNS.
[4] Clicca qui per scaricare il documento.
[5] Clicca qui per scaricare il documento.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 17/10/2021 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.