Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Mughetto nei neonati, cause e cura

Indietro

Mughetto nei neonati, cause e cura








vota


Articolo aggiornato il 22 maggio 2017.

 

Il mughetto è una forma di candidosi diffusa tra neonati e anziani e può interessare anche gli adulti immunocompromessi. Il mughetto nei neonati è causato dal Candida albicans, lo stesso fungo responsabile della candidosi vaginale che, pur essendo naturalmente presente nella flora batterica, può generare infezioni e disturbi quando le difese immunitarie sono deboli.

 

I neonati hanno difese immunitarie scarse, per questo sono più esposti di altri alla candidosi, e il mughetto si può manifestare nella bocca o sul sederino. Nel primo caso si parla di mughetto orale, nel secondo è più diffusa l’espressione dermatite da pannolino.

 

Come si diffonde il mughetto nei neonati? Durante la nascita, il bambino può contrarre il disturbo direttamente dalla mamma se questa, in quel momento, soffre di candidosi vaginale. Oppure può esserne contagiato durante l’allattamento sia al seno che con il biberon: la cute e la tettarella di gomma sono ambienti prolifici per la Candida albicans.

 

Per i genitori è difficile individuare la presenza del mughetto. All’inizio della micosi, infatti, il bambino piange, ha difficoltà a deglutire ed è molto nervoso. Solo in un secondo momento si avranno manifestazioni cutanee più rilevanti: se colpisce il sederino, si noteranno chiazze rossastre prima piatte poi desquamate, in ogni caso dolorose per il neonato. Se, invece, il mughetto è orale, ci saranno labbra lucide e arrossate e placche bianche sulla lingua che ricordano scaglie di ricotta o latte condensato. Con una garza delicata si possono eliminare le placche dalla bocca del neonato, ma per debellare il mughetto serve un’azione più incisiva.

 

Nelle forme blande, la candidosi orale può essere contrastata con collutori specifici e risciacqui di bicarbonato di sodio o acqua ossigenata al 3%. La terapia indicata dai pediatri in casi meno lievi comprende l’uso di antimicotici di uso topico oppure orale. Se il mughetto nei neonati viene trasmesso con l’allattamento al seno, la mamma deve usare gli stessi antimicotici del bambino per curare la cute dei capezzoli. La stessa scrupolosa attenzione deve essere osservata nell’igiene delle tettarelle di biberon e ciucciotti. In ogni caso, è il pediatra che deve visitare il bambino e decidere la cura migliore e adatta al caso.

 

__________________________________________

Chiedi un parere ai medici di ABCsalute

Dr Salvatore Scommegna
Dr Antonio Lepore


1 commento

  1. daniele ha detto:

    Ottimi suggerimenti, la candida è un’infezione spesso sottovalutata e prenderla alla “leggera” può portare a conseguenze spiacevoli, la prevenzione è importante, non sempre però si evita di sviluppare questa patologia, perchè non essendoci la giusta informazione spesso non si pensa ad un’azione difensiva che comunque, per gli adulti, si basa soprattutto nel condurre una vita sana. Per chi avesse già contratto questa patologia, consiglio una cura olistica che vada alla radice del problema attaccando le cause scatenanti più che la manifestazione dei sintomi della candida


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 13/06/2021 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.