Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
lacicca
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Salve. Ho avuto un mese e mezzo fa un episodio acuto improvviso di cervicalgia, senza sforzi ne traumi. Dopo tre giorni in osservazione intensiva e antidolorifici oppiacei per calmare il dolore mi hanno fatto la RMN d'urgenza e in particolare il referto mostrava: regolare allineamento metametrico riduzione della lordosi cervicale non alterazioni di segnale del labirinto osseo canale spinale normale muscolatura paraspinale normale e simmetrica. a livello della cerniera riduzione compressiva dello spazio liquorale subaracnoideo da ispessimento del legamento coronale atlo assiale su base degenerativa. a c5c6 avanzata degenerazione discale con lieve riduzione in altezza e protusione posteriore discomalacia a prevalenza paramediana preforaminale sin parzialmente prolassata caudalmente con obliterazione del sacco durale e lieve compressione midollare. coesiste impegno pre-endoforaminale bilaterale.
dopo di ciò ho consultato due neurochirughi i quali hanno confermato l'ernia e non la sofferenza del midollo, entrambi mi hanno messo in lista per l'intervento. ad oggi mancherebbero poche settimane e i dolori al collo, vuoi la terapia cortisonica e antidolorifici vari, sono diminuti, vero pure che dopo l episodio acuto non ho scolto piu nessuna attivitra fisica nemmeno leggera. il neurochirurgo che ho scelto di seguire mi dice che la decisione sta a me in quanto se ho dolore va tolta e quindi va fatto l intervento altrimenti no. Io non ho dolore acuto, è un dolore sordo che sento nei movimenti, a volte un leggerissimo formicolio, alla mano sx, piu spesso ho vertigini se faccio qualche sforzo o se sono stanca. io vorrei che mi dicesse lui se mi devo operare o meno perchè non posso basare un intervento sulla mia sopportsazione del dolore. ho anche il cd da mostrare se ce n'è bisogno. potete aiutarmi? grazie
 
de divitiis
Esperto di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 104
Gentile utente purtroppo la situazione è proprio questa se non esistono deficit neurologici o sofferenza midollare l'intervento viene stabilito solo ed esclusivamente in base alla sopportazione soggettiva del dolore. Se la sintomatologia algica è in via di miglioramento il consiglio è quello di aspettare. Adoperare si è sempre in tempo.
Cordiali saluti Oreste de Divitiis

_________________
Prof. Dr Oreste de Divitiis
    80131 NAPOLI (Napoli)
    Via Sergio Pansini
    0817462572
    oreste.dedivitiis@unina.it
 
2 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

ERNIA MISTA

L'ernia mista, è caratterizzata da entrambe le forme di ernia da scivolamento e ernia da arro...

ERNIA DA SCIVOLAMENTO

L'ernia da scivolamento è la più frequente. La giunzione gastroesofagea viene spinta v...

VERTIGINE CERVICALE

La vertigine cervicale deriva da impulsi incoordinati che vengono inviati al cervello dai muscoli de...

Artrosi cervicale: degenerazione delle cartilagini e delle articolazioni del rachide cervicale Artrosi cervicale: degenerazione delle cartilagini e delle articolazioni del rachide cervicale

L'artrosi cervicale o cervicoartrosi è una degenerazione patologica e progressiva della regio...



TROVA LO SPECIALISTA



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.