Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
ibbyizzy2000
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Mia mamma, settantenne, con parecchi kg di troppo, soffriva da tempo di mal di schiena. L'anno scorso ha deciso di indagare meglio la patologia.
La diagnosi è stata:
stenosi foramidale in L3-L4 bilaterale, insufficienza monosegmentale in L3-L4, instabilità in L4-L5, pz abesa in quadro di lombalgia ingravescente e claudicatio resistente a terapia farmacologica.
Nel dicembre scorso si è sottoposta a un intervento definito banale dal neurochirurgo.
Con tecnica microchirurgica, è' stata eseguita foraminotomia bilaterale in L3-L4, posizionato DIAM in L3-L4, effettuata artrodesi mediante COFLEX-F in L4-L5.
All'inizio l'intervento sembrava riuscito e la mamma, contenta del risultato, si era messa a dieta e a fare esercizio.
Appoggiandosi alla carrozzina di mia figlia, riusciva a camminare per alcuni chilometri, senza alcun dolore.
Con il tempo c'è stato un peggioramento e i risultati inizialmente ottenuti sono scomparsi, portando ad una situazione peggiore rispetto a prima dell'intervento.
Ora il chirurgo propone di togliere gli impianti e di eliminare la stenosi mediante limatura ossea. Al momento, la mamma è meno fiduciosa e teme anzi che l'intervento comporti dei rischi (un conoscente, si è operato alla schiena ed è rimasto paralizzato, ma ignoriamo il tipo di intervento ).
Chiediamo un parere su l'intervento proposto e i rischi e anche se un fisiatra potrebbe portare benefici.
Speranzosi di una risposta illuminante, salutiamo cordialmente.
 
de divitiis
Esperto di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 104
Gentile utente di ABC Salute,
il caso è sicuramente molto complesso. prima di pensare ad un secondo intervento è necessario una attenta valutazione neurologica e di tutta la documentazione radiologica. comunque un trattamento riabilitativo e posturale va provato prima di qualsiasi altra soluzione

cordiali saluti

OdD

_________________
Prof. Dr Oreste de Divitiis
    80131 NAPOLI (Napoli)
    Via Sergio Pansini
    0817462572
    oreste.dedivitiis@unina.it
 
2 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

INSUFFICIENZA PRERENALE

Dovuta ad un inadeguato volume di sangue circolante (gravi emorragie, stenosi dell'arteria renale, s...

EcoDoppler

L’EcoDoppler è un esame diagnostico non invasivo e indolore usato per studiare – in tempo reale – l’...

L' endoscopia in urologia

Per endoscopia si intende la tecnica con cui introducendo degli endoscopi attraverso la uretra &egra...

Stenosi uretrale: restringimento del canale uretrale Stenosi uretrale: restringimento del canale uretrale

La stenosi uretrale è un restringimento del canale uretrale, ossia di quel tratto che convogl...



TROVA LO SPECIALISTA



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.