Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
fradall
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 4
In occasione di una visita oculistica di controllo dopo tre mesi da un'operazione di cataratta, a mia moglie (68 anni) è stato riscontrato un nevo irideo, mai constatato, e nemmeno segnalato durante le visite preliminari all'intervento di cataratta.
In effetti sull'iride si nota una macchiolina scura di ca. 1,5 x2 mm.
Le è stato prescritto una " fotografia ed UBM del segmento anteriore".
A Milano, non proprio in capo al mondo, questo esame pare difficilissimo da ottenere, se non in tempi biblici col SSN, per cui lo' eseguiremo al San Raffaele a pagamento.
Inoltre alcune strutture mi dicono che la fotografia e l'UBM sono contemporanee, mentre altre distinguono le due cose come separate. Il San Raffaele non è stato chiaro in proposito
Secondo l'oculista che lo ha riscontrato, il nevo è presente da tempo, ma, come dicevo, mai osservato da noi (anche perchè forse non cercato), ma nemmeno durante le numerose visite oculistiche preparatorie alla cataratta.
Le informazioni ricavabili da Internet affermano di un modesto rischio di melanoma, ove siate cosi gentili da darmi chiarimenti, vorrei sapere se l?UBM chiarirà l'esistenza o meno di questo rischio.

Ringrazio e porgo auguri di Buona Pasqua
Francesco
 
PROF SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 44
La differenziazione tra un melanoma e un nevo dell’iride è estremamente difficile e talvolta impossibile. Il melanoma spesso è una lesione di piccole dimensioni e raramente appare infiltrativa, multipla e può determinare uveite cronica, ed eterocromia.
Melanoma dell'iride
Melanoma dell’iride

Se interessano almeno il 66% dell’angolo di circonferenza il melanoma può causare glaucoma. Gli accertamenti da eseguire sono la transilluminazione, oftalmoscopia indiretta, la gonioscopia. La documentazione fotografica consente di seguire la progressione del tumore. L’angiografia a fluorescenza del segmento anteriore consente di valutare la vascolarizzazione, ma non è diagnostica. La biomicroscopia ad ultrasuoni ad alta risoluzione serve per misurare la lesione e per valutare il coinvolgimento del corpo ciliare, dell’angolo o della sclera. La sopravvivenza media è di circa il 95% a 5 anni. La terapia quando è possibile è conservativa. In pazienti asintomatici si consiglia la documentazione fotografica se le lesioni sono sostanzialmente stabili. Se il tumore è in crescita è consigliabile resezione. L’enucleazione è consigliata nei casi in cui il trattamento chirurgico locale non è attuabile. Radioterapia a placche si utilizza nei casi inoperabili.
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
non si deve preoccupare eccezionalmente!
Raramente tali forme(1 su 5000) possono degenerare in melanomi,quindi come quasi tutti gli altri nevi nevocellulari ubiquitaaiamente nel nostro corpo!
Un nevo coroideale o congiuntivale o in altri distretti sospetto è la lesione che più facilmente può essere diagnosticata come un
Melanoma coroideale.
In una casistica di 400 casi di pseudo Melanoma riportata da Shields, il 26% era rappresentato da
nevi coroideali sospetti.Un concetto generalmente accettato è che lo spessore del nevo non
superi due millimetri. Vedremo più avanti, l'aiuto che ecografia, fluoroangiografia e angiografia con
verde di indocianina possono darci per una diagnosi differenziale. Vi sono comunque alcuni segni
oftalmoscopici che vanno tenuti presenti . La presenza di drusen in superficie è più comune nel nevo. Pigmento arancio può osservarsi sia al di sopra di un nevo che di un Melanoma ; in quest'ultimo caso però il materiale arancio, che corrisponde a lipofuscina, forma depositi più ampi e meno definiti. Fluido sottoretinico può associarsi ad entrambe le lesioni, ma nel corso di un piccolo Melanoma il distacco retinico è più bolloso e può contenere depositi mal definiti di pigmento
arancio.
Atro segno è una neovascolarizzazione intraneo.
Si controlli il neo annualmente e stia sreno!

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
3 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Eseguito intervento di dermoabrasione Eseguito intervento di dermoabrasione

Un neo lungo 30 centimetri, che occupava tutto il dorso dalla nuca ai glutei, e si spingeva anterior...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Francesco Famà

L'Oculista a Riposto Dott. Francesco Famà medico chirurgo e oftalmologo, ...

Dr Francesco Mele

L’Oculista a Torino Dr Francesco Mele è laureato in Medicina e Chir...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.