Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
Simonetta
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 3
Salve, in questi ultimi tempi la mia bambina di cinque anni soffre spesso di orzaiolo. Perché continua a ripresentarsi? E’ possibile curarlo definitivamente?
 
Centro oculistico S.r.l.
TL146
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 26
L'orzaiolo è una infezione di una ghiandola del margine palpebrale, di origine stafilococcica e corrisponde al foruncolo cutaneo.
E' spesso recidivante e plurimo.
E' frequente nei bambini e spesso deve essere inciso.
La terapia è a base di pomate antibiotiche e spesso anche di terapia antibiotica per via generale.
A volte si apre da sè, a volte invece deve essere inciso.
Sono da evitare impacchi caldi che possono fare progredire l'infezione.
Di solito con la crescita del bambino i fenomeni si attenuano.

Dott.Stefano ESENTE
Centro Oculistico
via Fossombroni 2/a 50136 Firenze
Tel 055-2344569
Fax 055 240326
stefanoesente@centrooculisticofirenze.it
http://www.centrooculisticofirenze.it

_________________
Centro oculistico S.r.l.
    50136 FIRENZE (FI)
    Via Fossombroni
    Tel.055.243442
    amministrazione@centrooculisticofirenze.it
http://www.centroculistico.abcsalute.it
 
SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 172
Carissimo,
intanto credo sia stata appurata una diagnosi differenziale tra calazio ed orzaiolo neonatale!!
Il calazio unitamente all'orzaiolo, rappresenta una delle più frequenti lesioni acquisite della palpebra.
Le palpebre contengono alcune strutture annessiali particolari: le ciglia con annesse le ghiandole di Zeiss (gh. sebacee); le ghiandole di Moll,sudoripare modificate, e le ghiandole di Meibomio. Queste sono ghiandole sebacee olocrine inserite profondamente nel piatto tarsale e completamente indipendenti dai follicoli delle ciglia. Sono presenti in un numero variabile da 20 a 30 sulla palpebra superiore e da 10 a 20 in quella inferiore e producono un materiale lipidico normale costituente del film lacrimale.
Qualora si verifichi l'ostruzione del dotto escretore o quando una primitiva infezione batterica (orzaiolo interno) ne provochi la rottura,il rilascio del materiale lipidico nei tessuti circostanti produce una reazione da corpo estraneo costituita da istiociti, cellule giganti multinucleate, plasmacellule, eosinofili, linfociti e leucociti polimorfonucleati. Si costituisce così il calazio, un lipogranuloma che si sviluppa attorno alle ghiandole di Meibomio. La diagnosi differenziale principale va posta con l'orzaiolo, infezione batterica a carico del bulbo pilifero e/o delle ghiandole di Zeiss (orzaiolo esterno) o delle ghiandole di Meibomio (orzaiolo interno), il più delle volte sostenuta dallo Staphylococcus aureus.
Può regredire in circa una settimana o si incista ed allora resta.
Il calazio è quindi una flogosi granulomatosa di una ghiandola di Meibomio, il cui dotto escretore risulta ostruito. Questo tipo di infiammazione è un processo cronico ed i sintomi sono incredibilmente lievi, se si esclude la sensazione di peso palpebrale o di fastidio per la presenza di “qualcosa” sull’occhio.

IGIENE OCULARE
La prima efficace barriera difensiva dell’occhio è formata da palpebre, ciglia e lacrime che “ lavano” la gran parte delle sostanze o dei batteri che cercano di aggredire la superficie
oculare. Il lisozima contenuto nel film lacrimale è un potente agente antibatterico.
Tuttavia è necessario adottare diverse norme igieniche per ridurre il carico batterico locale e ,di conseguenza,il rischio di infezione.
• L’igiene oculare quotidiana: lavare accuratamente le mani e lavare delicatamente la regione perioculare due volte al giorno. Utilizzare,durante ogni patologia oculare in atto, garze
sterili medicate preconfezionate.
• L’igiene oculare nei bambini ed in particolare nei neonati: pulire quotidianamente ed accuratamente gli occhi dei neonati, per ridurre il rischio di infezioni, in quanto non
dotati di difese immunitarie completamente sviluppate.
I soggetti affetti da calaziosi,anche se piccoli, vanno educati ad una accurata e giornaliera detersione della rima palpebrale per la possibilità che il fenomeno si ripresenti; oltre a questo provvedimento di base, deve essere messo in opera quanto necessario per la terapia della patologia di fondo (Dermatite seborroica,rosacea) quando presente.
Inoltre devono essere fatti esmi dell'apparato gastroenterico,perchè ci possono essere problematiche di alterato transito,colecistopatie etc.etc.Quindi è bene controllare funzionalità epatic,alterazioni della colecisti e dell'intestino e/o del colon!!

Un caro saluto.
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
 
Prof. Dr Fabio Dossi
VP234
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 46
L'orzaiolo è una infiammazione di una delle ghiandole contenute nelle palpebre che risente delle variazioni dell'organismo; non esistono pertanto cure preventive.

_________________
[b]Prof. Fabio Dossi[/b] [list][/list] [list]fabdossi@alice.it[/list]
 
4 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Come curare l’orzaiolo Come curare l’orzaiolo

L’orzaiolo è un’infiammazione del perimetro ciliare esterno oppure interno, è causato dagli stafiloc...

Prurito agli occhi: come curarlo Prurito agli occhi: come curarlo

Il vento, il freddo e il calo delle temperature in questo periodo fanno aumentare la comparsa di alc...



TROVA LO SPECIALISTA

Casa di Cura San Michele

La Casa di Cura San Michele ha come caratteri distintivi la competenza professio...

Dr Massimo Mammone

L'Oculista a Follonica Dr Massimo Mammone ha come attività principale la ...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.