Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
Raimondo
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 6
Ho una congiuntivite follicolare, il mio oculista mi ha prescritto una terapia a base di dipinefrina, ma a distanza di un mesetto non noto miglioramenti. Dovrei rivolgermi ad un altro specialista?
 
Centro oculistico S.r.l.
TL146
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 26
Le congiuntiviti follicolari sono di diversi tipi e di solito sono forme virali.
La follicolosi congiuntivale è una forma costituzionale, tipica dei bambini e arriva sino ai 20 anni.E' una forma legata spesso disfunzioni adenoidee del bambino.
La forma follicolare acuta è virale, accompagnata da ingossamento dei linfonodi preauricolari e spesso è legata a forme influenzali.
Vi è poi la forma cronica anch'essa legata a ipeplasia linfatica.
La terapia è locale e in un secondo tempo con collirio al cortisone sotto sorveglianza. Utile a volte le "vecchie" ma sempre valide terapie locali con nitrato d'argento.
Ci vuole pazienza!! Auguri!

Dott.Stefano ESENTE
Centro Oculistico
via Fossombroni2/a 50136 Firenze
Tel 055-2344569
Fax 055-240326
stefanoesente@centrooculisticofirenze.it
www.centrooculisticofirenze.it
 
SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 172
Carissima,
le Congiuntiviti follicolari sono così definite perché oltre al rossore congiuntivale, sono presenti follicoli o noduli linfatici, questi ultimi sono formazioni sferiche, pallide traslucide, disseminate e sporgenti sulla congiuntiva.
Hanno variegata etiopatogenesi tra cui la più imortante quella virale!
Gli agenti etiologici più comuni delle congiuntiviti virali sono gli adenovirus che possono provocare congiuntiviti epidemiche (specialmente i sierotipi Ad 8, 19, 37 e 5) e la febbre faringo-congiuntivale (in genere i sierotipi Ad 3, 4 e 7, ). Una epidemia di congiuntivite emorragica acuta, una rara congiuntivite associata a infezione da enterovirus tipo 70, si è verificata in corso di epidemie in Africa e in Asia
Dopo una incubazione di circa 5-12 giorni, si presentano i sintomi di iperemia congiuntivale, secrezione acquosa, irritazione oculare e le palpebre al risveglio sono incollate. I sintomi divengono spesso bilaterali ma iniziano generalmente in un occhio. Molti pazienti hanno avuto contatti con persone affette da congiuntivite e/o con recente infezione delle alte vie respiratorie.
La congiuntiva bulbare e tarsale è iperemica. Sulla congiuntiva palpebrale sono presenti follicoli linfatici. I linfonodi preauricolari sono spesso ingrossati e dolenti.
Nelle congiuntiviti virali gravi, i pazienti lamentano fotofobia significativa e sensazione di corpo estraneo. Questi pazienti possono avere pseudomembrane di fibrina e cellule infiammatorie sulla superficie congiuntivale e/o infiammazione corneale focale. Anche dopo la risoluzione della congiuntivite, alla lampada a fessura possono essere visibili per due anni o più delle cicatrici corneali (da 0,5 a 1,0 mm). Queste occasionalmente possono provocare riduzione dell'acuità visiva e abbagliamento significativo.
Sebbene possano essere impiegati terreni di coltura semplici, per l'identificazione e la crescita del virus responsabile di una congiuntivite sono necessarie colture tissutali speciali. L'infezione batterica sovrapposta è molto rara; se i sintomi di presentazione sono correlabili a una congiuntivite batterica, p. es., secrezione purulenta, l'occhio deve essere sottoposto a colture specifiche per batteri. Le secrezioni possono essere esaminate al microscopio e colorate con la colorazione Gram per identificare i batteri e con la colorazione Giemsa per determinare la risposta dei leucociti.
La congiuntivite virale è altamente contagiosa e si trasmette con goccioline, veicoli d'infezione e inoculazione mano-occhio. Dopo aver esaminato il paziente, il medico deve lavarsi molto bene le mani e sterilizzare gli strumenti per evitare la trasmissione dell'infezione. Il paziente deve essere avvisato di lavarsi bene le mani dopo aver toccato gli occhi o le secrezioni nasali, per evitare di contagiare l'occhio non infetto e di evitare di condividere asciugamani o cuscini. Gli occhi devono essere continuamente puliti dalle secrezioni e non bendati. La congiuntivite virale è autolimitantesi, poiché dura una sett. nei casi lievi e fino a tre sett. nei casi gravi. Se la congiuntivite è provocata specificatamente da un virus, nessuna terapia è necessaria o disponibile. Se le caratteristiche cliniche sono compatibili con un'infezione batterica, il paziente deve essere sottoposto a terapia antibiotica locale, p. es., sulfacetamide sodica al 10% in collirio o trimetoprim/polimixina B qid per 7-10 giorni. Congiuntiviti gravi associate con pseudomembrane, visione ridotta da infiammazione corneale o cicatrici possono richiedere la somministrazione di corticosteroidi topici. Comunque, i corticosteroidi topici possono esacerbare un'infezione da herpes virus simplex, portando anche a ulcerazioni e perforazione corneale. L'uso a lungo termine dei corticosteroidi può portare al glaucoma e a una possibile cataratta. Il loro uso deve essere perciò iniziato e monitorizzato dall'oftalmologo.

Un caro saluto
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
 
Dr Ernesto Capitanio
ABC1120
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 6
Provi ad usare Visublefarite collirio per 8 giorn, 3 volte al giorno e ripeta questo ciclo dopo 1 mese.

_________________
Dott. Capitanio Ernesto
    20100 MILANO (MI)
    Via Fabio Filzi, 27
    02.67382244
    ernesto@capitaniooculista.it
http://www.dottcapitanio.abcsalute.it
 
Prof. Dr Fabio Dossi
VP234
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 46
Si faccia controllare i test per il controllo della lacrimazione.
Prof. Fabio Dossi

_________________
[b]Prof. Fabio Dossi[/b] [list][/list] [list]fabdossi@alice.it[/list]
 
5 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Secchezza oculare

Alterata capacità dell'occhio di produrre il film lacrimale che, normalmente, riveste la superficie ...

Come si trasmette la congiuntivite virale? Come si trasmette la congiuntivite virale?

La congiuntivite virale è una forma di congiuntivite infettiva che si presenta con sintomi simili al...

Congiuntivite allergica

Indica l'infiammazione delle membrane congiuntivali, ossia la parte più esterna del bulbo oculare e ...

Congiuntivite: definizione, sintomi, cura Congiuntivite: definizione, sintomi, cura

La congiuntivite è l’infiammazione della congiuntiva, la sottile membrana mucosa quasi totalmente tr...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Francesco Laudando

VETRINA IN ALLESTIMENTO...

Dr Francesco Famà

L'Oculista a Riposto Dott. Francesco Famà medico chirurgo e oftalmologo, ...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.