Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Carbone vegetale: a cosa serve?

Indietro

Carbone vegetale: a cosa serve?

carbone vegetale: proprietà e rischi
Carbone vegetale - iStockphoto.com






vota


C’è chi ne abusa e chi invece farebbe bene a usarlo per trovare una soluzione al proprio disturbo. Parliamo del carbone vegetale, uno tra i rimedi naturali più noti ed efficaci per contrastare disturbi digestivi e intestinali.

 

Cos’è il carbone vegetale

Detto anche carbone attivo o attivato, il carbone vegetale è una polvere nera, inodore e insapore ottenuta dalla combustione senza fiamma di legna di pioppo, salice o betulla, di segatura o gusci di frutti. Il prodotto finito può essere usato in polvere oppure in compresse: entrambe le formulazioni conservano le proprietà del carbone vegetale.

 

A cosa serve?

Del carbone attivo si apprezza il potere adsorbente dovuto alla sua alta porosità, una caratteristica particolarmente apprezzata in ambito medico e farmaceutico.

 

Prima di illustrare a cosa serve, specifichiamo che per proprietà adsorbente s’intende la capacità di attirare e trattenere sulla propria superficie singole molecole senza assorbirle così da eliminarle attraverso minzione e defecazione.

 

Il carbone vegetale si usa per lenire:

  • Gonfiore addominale, aerofagia e meteorismo. Attira i gas intestinali in eccesso limitando tensione e dolore propri di questi disturbi.
  • Acidità di stomaco. In questo caso, il carbone attivo trattiene su di sé i succhi gastrici in eccesso dovuti al reflusso e causa di bruciore e irritazione.
  • Diarrea. Il carbone vegetale è un rimedio naturale alla dissenteria perché blocca i liquidi compattando le feci. È indicato specie quando il disturbo si associa al colon irritabile.
  • Alitosi. Grazie alla sua azione antibatterica, oltre a liquidi e gas il carbone attivo agisce anche sull’alito cattivo dovuto a un’eccessiva presenza di batteri nel cavo orale.
  • Avvelenamento. Il carbone vegetale è indicato per il trattamento di intossicazioni alimentari e lievi avvelenamenti. Il caso tipico è quello dell’avvelenamento da funghi trattato appunto con polvere o compresse di carbone attivo.

 

Quali sono le controindicazioni?

La principale qualità del carbone vegetale è anche il suo limite: come visto finora, la proprietà adsorbente è attiva verso liquidi, gas, batteri e, aggiungiamo, anche verso le molecole dei medicinali. Per questo motivo si consiglia di assumere il carbone attivo lontano dalla somministrazione di farmaci e sempre dopo aver consultato il proprio medico curante. Lo stesso consiglio vale per le donne in gravidanza che hanno la necessità di assumere il carbone vegetale.

 

L’assunzione del carbone attivo dev’essere circoscritta e limitata all’esigenza: un abuso del prodotto naturale potrebbe causare disturbi come la stitichezza o il mancato assorbimento di importanti nutrienti.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Scienza dell' alimentazione



Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 22/09/2021 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.