La guida dinamica del
corpo umano
cerca
nell'atlante
cerca
nelle patologie

organi

  1. Fegato

Fegato

Il fegato è un organo impari e parenchimatoso, è una ghiandola anficrina (la più grande del nostro corpo) annessa all’apparato digerente, la quale riversa il suo secreto nel sangue ma anche nel lume intestinale. Il fegato ha un ruolo fondamentale nel metabolismo, poiché  svolge una serie di processi di importanza vitale quali la sintesi e l'immagazzinamento del glicogeno, la sintesi delle proteine plasmatiche, la rimozione di sostanze tossiche dal sangue. Il fegato è riserva di ferro, produce la bile, importante per l’emulsione dei grassi durante la digestione. Quest’organo ha inoltre una notevole capacità rigenerativa.

 

Il fegato si trova nella estremità superiore dell’addome, sotto al muscolo diaframma; sulla sinistra, in posizione posteroinferiore, c’è lo stomaco, inferiormente l’intestino, posteriormente si trovano le tre ultime vertebre toraciche con ai lati i reni. Il fegato è ricoperto da una capsula connettivale, detta capsula di Glisson, che invia all’interno dell’organo tralci connettivali; la superficie epatica è liscia e soffice, di colore rosso-brunastro. La forma del fegato può essere descritta come quella di un grosso ovoide al quale è stata asportata la porzione inferiore sinistra secondo un piano obliquo verso il basso da sinistra a destra. Il fegato occupa la regione addominale che si chiama ipocondrio destro e in parte la regione epigastrica, si estende circa dalla quinta costa destra al margine inferiore della cassa toracica. Il fegato è connesso agli organi vicini, alla parete addominale anteriore e al diaframma tramite alcuni legamenti:

- legamento falciforme,

- legamento coronario,

- legamento rotondo,

- legamento triangolare,

- legamento venoso,

- piccolo omento (legamento epato-gastrico).

 

Durante l’inspirazione il margine inferiore del fegato può essere palpato 1-2 cm al di sotto del margine destro dell'arcata costale. Il fegato di un adulto ha un peso medio i 1200 e i 1500 grammi. Il fegato ha due facce:

- una anterosuperiore o diaframmatica;

- e una posteroinferiore o viscerale.

Classicamente viene suddiviso in 4 lobi:

- lobo destro e lobo sinistro, visibili anteriormente;

- e lobo quadrato e lobo caudato, visibili posteriormente.

La faccia diaframmatica è convessa e con la superficie liscia e presenta un lungo solco sagittale che la divide in due parti o lobi: il lobo destro e il lobo sinistro, quest’ultimo di forma triangolare e di minori dimensioni. La faccia viscerale presenta le impronte  degli organi che si trovano posteriormente al fegato, sulla faccia posteriore è visibile l’ilo, il punto di entrata dei condotti biliari epatici, dall'arteria epatica, dalla vena porta, dei vasi linfatici e dei nervi del plesso nervoso epatico.

 

Il fegato riceve un duplice apporto di sangue, dalla arteria epatica e dalla vena porta; circa il 75% del sangue arriva dalla vena porta (sangue refluo dall’intestino, carico di sostanze nutritive ma scarsamente ossigenato), il restante 25% arriva dall’arteria epatica (è quindi sangue ossigenato). Pertanto nei capillari epatici (sinusoidi) scorre sia sangue venoso che sangue arterioso. Questa è una eccezione rispetto altri organi. Il parenchima epatico è formato da cellule dette epatociti, l’unità morfofunzionale del fegato è l’acino epatico.

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 21/08/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti