Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
NiclaMi
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Sono un’insegnante di lingua straniera di scuola superiore e ho un problema che non è direttamente il mio: un mio alunno, educato, studioso, con cui ho un ottimo rapporto comunicativo e che ha risultati più che soddisfacenti nella mia disciplina orale (media dell’8), quando si ritrova davanti a un compito in classe scritto, non so cosa gli accade, si blocca, ha dei vuoti di memoria e crea una gran confusione e al momento della valutazione non posso non mettergli una grave insufficienza che gli pregiudica il voto finale (media tra scritto e orale). Abbiamo commentato in classe la questione e ne ho parlato anche con sua madre, ma non riusciamo a venire a capo della situazione… il colmo è che se gli chiedo oralmente le stesse cose che ho messo nel compito me le sa dire correttamente. Anche lui non sa motivare questa strana situazione che si ripete sistematicamente durante le prove scritte. Vorrei aiutarlo, perché il ragazzo merita ma anche perché se un alunno non raggiunge i risultati sperati, il primo a fallire è l’insegnante, non so come venirgli incontro. Attendo un consiglio. Grazie!
 
Dott.ssa Daniela Benedetto
WB656
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 22
Gentile Sig.ra mi viene da proporle per assurdo, un pò per spezzare questo comportamento che sembra essere diventato ossessivo e ripetitivo, di consegnare come di consueto il compito da svolgere ai ragazzi e subito dopo sedersi a fianco al bambino, senza parlare, prendere dalle sue mani la sua penna, e prepararsi a scrivere lei il compito sotto dettatura del ragazzo. Provi a non dire subito "dettami la risposta" ma attenda con la penna in mano e lo guardi in attesa di scrivere le sue parole.
Dopo un primo momento di stupore è possibile che incominci a dettare se non lo fa lo inviti a farlo. scriverà lei per lui.
Se il bambino dovesse dettare, speriamo, lei scriva tutto senza commenti e alla fine lasci sul banco il compito e lasci che il bambino, quando se la sente, lo consegni alla cattedra.
Non commenti neanche successivamente l'accaduto neanche con i compagni del bambino.
La volta successiva si attardi un pochino prima di ripetere la scena. Si allontani, prenda tempo e con la coda dell'occhio osservi se il bambino comincia da solo e se non lo facesse faccia come la volta precedente...ma alla fine del compito gli chieda per lo meno di scrivere lui il suo nome.
La volta successiva gli farà scrivere oltre al suo nome anche il titolo ecc...
Mi tenga informata se vuole...

_________________
Dott.ssa Daniela Benedetto
    00151 ROMA (ROMA)
    V.le Isacco Newton, 71
    06.65744507
    info@danielabenedetto.it
http://www.drdanielabenedetto.abcsalute.it
 
Dott. Sergio Sabatini
WB923
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 21
Gentile professoressa,
spesso accade che l'ansia di vedere in modo "certo" ciò che si pensa possa produrre una sorta di impedimento a produrre. Bisognerebbe capire se la difficoltà descritta riguarda solo la sua materia o se tale problema si manifesta anche in altre discipline (ad esempio italiano). Inoltre sarebbe utile sapere se, nella storia del suo studente, vi sono stati problemi con docenti particolarmente critici con la sua scrittura. Bisognerebbe poter escludere un problema di tipo disgrafico (DSA) che contribuisca ad innescare la difficoltà descritta.
Penso che un utile lavoro di raccordo con i suoi colleghi e con i genitori potrebbe far emergere alcune informazioni necessarie per comprendere quale strada intraprendere per l'uscita dal problema.

Cordialmente

Dott. sergio Sabatini
Psicologo-Psicoterapeuta
Genova
 
Dott.ssa Ornella Convertino
Studio Convertino&Pellegrini

GRF002
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 48
Chiama Gratis
Gentile professoressa,
la situazione è abbastanza delicata sia nella relazione con il bambino sia con il resto della classe. È importante infatti salvaguardare il ragazzino da possibili fenomeni di esclusione da parte dei compagni, e al tempo stesso cercare di venire a capo della sua situazione di blocco e di difficoltà di fronte ai compiti scritti.
Come già suggerito dal collega, bisognerebbe capire se questo comportamento si presenta solo nella sua materia o in altre, ed assicurarsi che non sia presente un disturbo di disgrafia. Potrebbe essere utile parlare con i genitori per capire se in altre situazioni in passato sia emerso un blocco nella scrittura, e quale sia il vissuto del bambino rispetto a questo problema.
Il consiglio di scrivere sotto dettatura del ragazzo può essere un buon modo per iniziare a sciogliere il blocco, magari se fatto da una collega esterna o di sostegno, per aiutare a mantenere un clima più “neutro” all’interno della classe ed evitare di far provare imbarazzo o difficoltà al bambino stesso.

Cordiali saluti
Dr.ssa Ornella Convertino

_________________
Dott.ssa Ornella Convertino
Studio Convertino&Pellegrini

    20900 Monza
    Corso Milano 30
    Tel.039. 2301179
    convertino.ornella@libero.it
http://www.psicologia-convertino.abcsalute.it
 
4 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

INSEGNANTI CHE GUIDANO LA CLASSE INSEGNANTI CHE GUIDANO LA CLASSE

INSEGNANTI CHE GUIDANO LA CLASSE...

GLAUCOMA CRONICO AD ANGOLO CHIUSO

Si ha per improvviso blocco del deflusso dell'acqua e ciò se non curato in tempo, porta a cec...

Blocco emotivo: il Counselor aiuta a superarlo? Blocco emotivo: il Counselor aiuta a superarlo?

Per la rubrica Pillole di salute, oggi abbiamo chiesto alla couselor naturopata Isabella Donzelli: i...

intossicazioni: controllo complesso

Le intossicazioni possono derivare da situazioni specifiche, ambientali e di inquinamento da radiazi...



TROVA LO SPECIALISTA

Centro Psicologia e Cambiamento

Il Centro Psicologia e Cambiamento di Bergamo, nato nel 1989, fonda la propria a...

Dr.ssa Rita Viscovo

Il Tricologo a Milano Dott.ssa Rita Viscovo, che ha come campo elettivo i proble...

Studio di Psicologia e Psicoterapia TRE - Dott.ssa Gisa Maniscalco

Lo Psicologo a Palermo Dott.ssa Maniscalco nel suo Studio TRE si occupa di diagn...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti