Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
serenafashion
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Gentile professionista,

mi sono sempre affidato alla forza di volontà per poter sconfiggere il panico e il disagio che provo in certe situazioni, ma da due anni, tentando con tutte le mie forze, anche frequentando corsi sul pensiero positivo, ancora non riesco ad avere un atteggiamento ottimista; è sempre stato difficile per me sentirmi sereno, eppure dovrei sentirmi fortunato: ho un lavoro e una famiglia. E' come se da una vita fossi alla ricerca della felicità, vorrei solo essere soddisfatto di ciò che ho, ed invece sono sempre più infelice e mi sento una nullità. Vorrei essere felice e contento di me.
:?:
 
Dott.ssa Chiara Lukacs Arroyo
WB1147
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 12
È arrivato il momento di disconfermare il convincimento di molti che basta volerlo e il nostro destino da minaccioso diventa affettuosamente solidale, poiché la forza di volontà nulla può contro condizionamenti strutturati e paure inconsce. Basti pensare a come ne esca sconfitta da un attacco di panico. Talvolta la volontà ha la sua ragione d'essere e la sua efficacia, se mantiene il suo legame con l'interesse personale e la motivazione intrinseca. Tuttavia è indubbio, dopo anni di ricerche in psicoanalisi e psichiatria, che la volontà sia ancora lontana dalla felicità. Da quando l'infelicità dilaga, “come essere felici” è diventato titolo d'obbligo di riviste e manualetti pratici, e cercare di liberarsi da frasi fatte sulla felicità come “la felicità consiste nel desiderare quello che si ha”, quando si vive nell'angoscia di non avere nulla e ancor peggio di non essere nulla, è diventato un triste fatto di cronaca quotidiana. Ad oggi si dovrebbe avere qualche difficoltà a parlare impunemente di felicità. Ci sembra troppo, ci sembra un traguardo eccessivo. Per spiegarti meglio che la felicità va cercata ma che, laddove la si dovesse incontrare, vanno prese alcune precauzioni, suggerisco di provarci. La nostra scelta deve poter essere di vivere liberi da depressioni e incupimenti. E questo è certamente possibile attraverso un intervento psicoterapeutico su se stessi.

_________________
Dott.ssa Chiara Lukacs Arroyo
    58100 GROSSETO (GR)
    Via Repubblica Dominicana, interno 98
    c/o Centro Commerciale Europa - zona La Cittadella
    3317532500
    dott@arroyopsico.it
http://www.arroyopsico.abcsalute.it
 
Dott.ssa Daniela Benedetto
WB656
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 22
serenafashion ha scritto:
Gentile professionista,

mi sono sempre affidato alla forza di volontà per poter sconfiggere il panico e il disagio che provo in certe situazioni, ma da due anni, tentando con tutte le mie forze, anche frequentando corsi sul pensiero positivo, ancora non riesco ad avere un atteggiamento ottimista; è sempre stato difficile per me sentirmi sereno, eppure dovrei sentirmi fortunato: ho un lavoro e una famiglia. E' come se da una vita fossi alla ricerca della felicità, vorrei solo essere soddisfatto di ciò che ho, ed invece sono sempre più infelice e mi sento una nullità. Vorrei essere felice e contento di me.
:?:

Gentile Signore sono d'accordo con il collega sul fatto che la buona volontà a volte non basta per modificare l'umore.
Da quel che ci descrive è una situazione ovvero una condizione quella della insoddisfazione e del senso di pessimismo che la segue da tempo.
la sua buona volontà va guidata verso un percorso che di fatto necessità di costanza e di motivazione, quello della psicoterapia.
Ci pensi, può essere una opportunità che si traduce in una alternativa vincente.

_________________
Dott.ssa Daniela Benedetto
    00151 ROMA (ROMA)
    V.le Isacco Newton, 71
    06.65744507
    info@danielabenedetto.it
http://www.drdanielabenedetto.abcsalute.it
 
Dott. Pietro Merella
WB910
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 2
Chiama Gratis
serenafashion ha scritto:
Gentile professionista,

mi sono sempre affidato alla forza di volontà per poter sconfiggere il panico e il disagio che provo in certe situazioni, ma da due anni, tentando con tutte le mie forze, anche frequentando corsi sul pensiero positivo, ancora non riesco ad avere un atteggiamento ottimista; è sempre stato difficile per me sentirmi sereno, eppure dovrei sentirmi fortunato: ho un lavoro e una famiglia. E' come se da una vita fossi alla ricerca della felicità, vorrei solo essere soddisfatto di ciò che ho, ed invece sono sempre più infelice e mi sento una nullità. Vorrei essere felice e contento di me.
:?:

Bisogna rendersi conto che la volontà è una caratteristica che appartiene alla categoria della ragione, ma che l’individuo e la sua mente, nella sua interezza, non di sola ragione è composto. In realtà ciò che muove e motiva le persone ha poco o niente a che fare con la sua parte razionale e con la volontà; al massimo, con la ragione, possiamo trovare una spiegazione, più o meno adeguata, per quel che parti più profonde e nascoste di noi – il nostro inconscio – decidono della nostra esistenza. Dimenticare e mettere da parte tali profonde e potenti istanze non può che condurre a grandi sofferenze. Lavorare sul cosiddetto pensiero positivo può essere d’aiuto se già esiste un soddisfacente equilibrio emotivo, in caso contrario esso rappresenta solo un ulteriore modo per stare distanti dalle reali e più profonde problematiche che impediscono una vita almeno serena. Anche il riferimento alla famiglia e al lavoro rientra in quelle categorie, approvate socialmente, per cui una persona dovrebbe sentirsi sereno e felice, ma la domanda potrebbe essere: perché la famiglia? Perché quel lavoro? In quale modo queste cose contribuiscono all’economia emotiva complessiva di questo individuo? Se lei si sente insoddisfatto è perché, probabilmente, ha dato sempre e solo ascolto alle sue parti razionali, senza tenere in debito conto quelle, altrettanto importanti, se non di più, irrazionali, emotive, inconsce. Solo con un adeguato percorso terapeutico, e non superficiale, ritengo potrà riconoscere le sue peculiarità più autentiche che potranno restituirle armonia e serenità.

_________________
Dott. Pietro Merella
    09126 CAGLIARI (CA)
    Via Messina, 5
    070302964
    pietromerella@tiscali.it
http://www.pietro-merella.abcsalute.it
 
Centro Clinico di Psicoterapia e Psichiatria Andrea Verga
WB965
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 4
Gentile signore

Nel suo breve racconto si coglie una condizione vissuta di infelicità, insoddisfazione, mancanza di serenità, con episodi di panico, di disagio. I rimedi tentati sono: forza di volontà, pensiero positivo, atteggiamento ottimista. Si ha tuttavia l’idea che il rimedio sia stato peggiore del male, se ha indotto anche l’esperienza del fallimento (“mi sento una nullità”). Non ha mai pensato che tali rimedi sottendano una negazione dogmatica della reale condizione umana e, quindi, del nascere, del morire, del dolore che accompagna la nostra finitudine? Assumere il dolore come parte ineludibile dell’esistenza è la premessa per porvi rimedio. Non ci sono, al contrario, rimedi per qualcosa che viene negato.
Francesco De Peri

_________________
Dr Francesco De Peri
    20144 MILANO (MI)
    Via Andrea Verga, 4
    024812529
    deperifrancesco@libero.it
http://www.centroclinicoandreaverga.abcsalute.it
 
Dr Giuseppe Sapienza
WB1123
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 4
Gentile signore,
Le rispondo, in merito a quanto da Lei scritto, qualche giorno addietro.
A me sembra che sussistano due problematiche che manterrei distinte:
- la prima si riferisce, per quanto posso capire, ad una sorta di malessere o disagio, con manifestazioni neurovegetative, più o meno evidenti, che si verifica in particolari circostanti e che, sinora, Lei ha contrastato, per come riferisce, con la "forza di volontà"
- la seconda problematica si riferirebbe, invece, ad una sorta di "insoddisfazione", nonostante Lei abbia tutto ciò che, apparentemente potrebbe o dovrebbe rendere "felice" un uomo.
Per quanto riguarda la prima problematica potrebbe trattarsi di un "disturbo d'ansia con crisi di panico" che non si è risolto spontaneamente nonostante sinora Lei sia riuscito a "controllare" la sintomatologia con la sua volontà.
Purtroppo, se così fosse, Lei avrebbe bisogno di un trattamento farmacologico per ripristinare il corretto funzionamento dei circuiti cerebrali correlati alle funzioni emozionali ed affettive. A volte i sintomi avvertiti come ansia o disagio sottendono una disfunzione neurofisiologica su cui è opportuno intervenire con un trattamento medico per evitare cronicizzazioni o pseudo-soluzioni, basate su meccanismi difensivi di evitamento, che la costringerebbero ad un ritiro sociale più marcato. Le potrebbe essere utile un consulto con uno specialista psichiatra.
Per quanto riguarda la seconda problematica, invece, potrebbe riferirsi ad un disagio di tipo "esistenziale" che La indurrebbe ad andare "oltre" i comuni livelli di adattamento che Lei descrive. Avere un lavoro, degli affetti è certamente un successo vitale e in questo contesto storico-ambientale, certamente, sono di apprezzabile valore rispetto a coloro che devono ancora duramente misurarsi con tali istanze di base.
Tuttavia la ricerca della "felicità" può essere la manifestazione di un'istanza ineriore che La spinge a cercare un senso più profondo alla sua stessa vita. Potrebbe chiarire meglio tutto questo consultando uno psicoterapeuta, meglio se capace di lavorare sui simboli dell'uomo. Oppure trovare in altri ambiti, di diversa matrice culturale, una "risposta" che possa soddisfare questa istanza esistenziale che accomuna tutti gli uomini che "cercano"!
Per concludere, devo rilevare che tale "insoddisfazione" potrebbe anche ricollegarsi, almeno in parte, alla sintomatologia di cui sopra in quanto, se fosse accertata la diagnosi da me ipotizzata, potrebbe trattarsi un "sintomo depressivo sotto-soglia" che risentirebbe positivamente, in questo caso, di un eventuale trattamento farmacologico.
Spero di avere interpretato correttamente quanto da Lei descritto fornendoLe qualche indicazione.
Distinti saluti.

_________________
Dr Giuseppe Sapienza
    97100 RAGUSA (RG)
    Corso Vittorio Veneto, 779
    0932641761
    g.sapienza@alice.it
http://www.drsapienzagiuseppe.abcsalute.it
 
Dott.ssa Ornella Convertino
Studio Convertino&Pellegrini

GRF002
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 48
Chiama Gratis
Gentilissimo,
i suoi sforzi e il suo impegno per potenziare il pensiero positivo e l’ottimismo sono senz’altro elementi preziosi e importanti, ma per essere davvero efficaci ritengo debbano essere integrati con un percorso di conoscenza più profondo, quale la psicoterapia. La psicoterapia permette infatti di individuare le problematiche e i blocchi più nascosti della personalità, e fornisce gli strumenti per imparare a riconoscerli, affrontarli e scioglierli.
Spesso può accadere che gli ambienti e gli eventi esterni creino delle aspettative o delle “false” esigenze, che portano l’individuo a conformarsi a modelli di comportamenti, atteggiamenti e relazioni che possono non essere completamente in sintonia con il proprio Io. Attraverso un percorso terapeutico lei potrà nuovamente centrarsi e sintonizzarsi sulle sue esigenze e sui suoi bisogni più veri, dando ascolto alle emozioni e sensazioni, e attribuendo loro un nuovo senso.

Dr.ssa Ornella Convertino

_________________
Dott.ssa Ornella Convertino
Studio Convertino&Pellegrini

    20900 Monza
    Corso Milano 30
    Tel.039. 2301179
    convertino.ornella@libero.it
http://www.psicologia-convertino.abcsalute.it
 
Dott.ssa Rita Madonna
TL143
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 31
Gentile Signore, la crisi esistenziale che sta attraversando credo che richieda un'analisi approfondita delle motivazioni che l'hanno provocata. Pensare positivo è importante ma non può prescindere dal prendere coscienza sia dei motivi profondi di insoddisfazione che di quelli che sono i propri bisogni reali.
Un percorso psicoterapeutico potrebbe essere utile per capire meglio se stesso e quindi superare anche i momenti di ansia, gli attacchi di panico e ritrovare l'armonia psicosomatica.
Rita Madonna

_________________
Rita Madonna - Psicoploga-Psicoterapeuta
    0123 BARI (BA)
    via U. Giordano, 22/a
    080 3072127
    rita.madonna@virgilio.it
http://www.madonnarita.abcsalute.it
 
cinziacino
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Buongiorno a tutti!
Di recente, sto cercando se stessa e sto leggendo vari articoli sulla felicità, successo, felicità.. Sono molto critica a se stessa ma a volte trovo le informazioni interessanti cui possono aiutare a cambiare qualche cosa nella propra vita qua
https://armoniainfoblog.wordpress.com/2016/04/21/felicita-e-sicurezza-in-se-stessi/
Capisco che prima di tutto, bisogna cominciare da se stessi dall'autostima e solo dopo potremo ricevere e raggiungere quanche cosa nella vita.
 
9 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

I soldi fanno la felicità (se li usi per gli altri)

I soldi spesi meglio sono quelli che “regali” al prossimo. E’ la conclusione di un...

Giornata mondiale della felicità, un diritto di tutti Giornata mondiale della felicità, un diritto di tutti

Fa bene ai muscoli facciali, allontana le preoccupazioni, libera il buonumore, crea sintonia e facil...

Depressione

Secondo la definizione del Manuale Diagnostico e Statistico per i Disturbi Mentali (DSM), la depress...

Attacchi di panico

Episodi improvvisi e violenti di paura immotivata e così intensa che chi ne è colpito crede di stare...



TROVA LO SPECIALISTA

Centro Psicologia e Cambiamento

Il Centro Psicologia e Cambiamento di Bergamo, nato nel 1989, fonda la propria a...

Hygieia Clinica e Formazione

L'Istituto di Formazione a Trapani Hygieia svolge un'attività specia...

Dr Valeria Egidi Morpurgo

La psicoanalista  e psicoterapeuta Valeria Egidi Morpurgo di Milano opera n...

Dott. Vincenzo Policreti

Lo Psicologo Policreti di Terni pratica un metodo terapeutico peculiare che deri...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti