Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • SOS ora legale: perché fa male?

Indietro

SOS ora legale: perché fa male?


Ora legale - www.istockphoto.com






vota


Lo scorso 16 marzo è ricorsa la Giornata mondiale del sonno, un evento annuale che in qualche modo ci prepara all’ora legale, quest’anno in arrivo sabato 24 marzo. Il legame tra i due eventi è presto detto: la qualità del sonno influenza quella della vita quotidiana, e spostare un’ora avanti le lancette dell’orologio può compromettere l’equilibrio del ritmo circadiano.

 

Cos’è il ritmo circadiano? Come ci suggerisce l’etimologia latina circa diem, l’espressione significa letteralmente intorno al giorno. Si tratta del ritmo che influenza, per esempio, l’alternanza sonno-veglia. È il cosiddetto orologio biologico che ci fa aprire gli occhi un secondo prima che suoni la sveglia e rende sonnolenti sempre alla stessa ora, a prescindere dalle attività svolte durante la giornata.

 

Il cambio dell’ora è un piccolo terremoto che scompagina questo ritmo cadenzato. Accade due volte all’anno – a fine marzo e a fine ottobre – e ogni volta crea piccoli e grandi malesseri in milioni di persone nel mondo.

 

L’ora legale può fare male

Sebbene possa sembrare una questione di poco conto, lo scorso mese una delegazione di europarlamentari ha discusso sull’opportunità o meno di cambiare l’ora due volte l’anno perché, oltre a noti benefici economici, portare su e giù di un’ora le lancette dell’orologio può provocare danni alla salute.

 

Non solo difficoltà di concentrazione, spossatezza, mal di testa, abbassamento del tono dell’umore: il ritorno dell’ora legale aumenta il rischio correlato di infarto. Lo conferma uno studio pubblicato su Open Heart secondo il quale il lunedì successivo al ritorno dell’ora legale la probabilità di avere un attacco cardiaco aumenta del 24%.

 

Il benessere del sole

C’è anche un aspetto positivo del ritorno all’ora legale: l’ora di luce in più migliora l’umore, favorisce la vita all’aria aperta e la sensazione di avere più energia da usare per fare sport e altre attività ricreative.

È quindi necessario pazientare qualche giorno o qualche settimana per abituarsi ai nuovi ritmi e godere appieno della primavera.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 03/12/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.