Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Infertilità maschile: proteggere la salute dell’uomo

Indietro

Infertilità maschile: proteggere la salute dell’uomo

Infertilita maschile
Infertilita maschile - www.istockphoto.com






vota


In vista della festa del papà parliamo della salute dell’uomo e, in particolare, dell’infertilità maschile.

È risaputo quanto l’uomo sia poco attento alla propria salute a tal punto da rivolgersi al medico solo in caso di estrema necessità. Questo atteggiamento, forse derivante dall’errata convinzione che ammettere un problema di salute equivale a sminuire la mascolinità, si traduce in una scarsa prevenzione delle malattie maschili.

 

Eppure, la corretta prevenzione andrologica in alcuni casi potrebbe servire a evitare l’infertilità maschile, come spiega nel suo articolo l’urologo Dott. Attilio Meazza.

 

Quali sono le patologie più frequenti nell’uomo

La salute dell’uomo è minata da patologie che, se trascurate, possono evolvere in disturbi più importanti. Ricordiamo il varicocele, la dilatazione delle vene del testicolo, una condizione famigliare ma non ereditaria: non c’è la certezza ma l’alta probabilità che si manifesti se ci sono consanguinei con varici, emorroidi o altri disturbi del sistema venoso.

 

A questo si aggiunge l’idrocele che si manifesta quando il liquido linfatico è all’interno della sottile membrana che avvolge il testicolo. Nell’arco di qualche mese o di pochi anni, se trascurato l’idrocele provoca un progressivo aumento del volume dello scroto.

 

Ci sono inoltre alcuni difetti fisiologici che predispongono all’infertilità maschile: la torsione del testicolo completa o incompleta su se stesso dovuta a un’anomalia del sistema che lo tiene fisso, e il criptorchidismo, l’assenza del testicolo nella borsa scrotale determinata da cause congenite o fattori meccanici ed endocrini.

 

Ricordiamo anche l’HPV, la presenza del papilloma virus nell’uomo da cui è possibile proteggersi anche con l’apposito vaccino.

 

Come proteggere la capacità riproduttiva dell’uomo

Prima di rispondere, chiariamo in sintesi la differenza tra sterilità e infertilità: la sterilità è data da un’oggettiva incapacità di procreare a causa di malattie o anomalie come l’assenza di spermatozoi e i disturbi dell’ovulazione; l’infertilità è una ridotta capacità di procreare per cause relative, per esempio, alla quantità e qualità degli spermatozoi o a cause ovariche, uterine e ormonali.

 

Tra le cause di infertilità maschile si annoverano numerose componenti chimiche presenti in oggetti e prodotti di uso quotidiano. La bassa natalità nel mondo occidentale è un dato acclarato da anni e, per evidenziarne la ragione fisiologica, da decenni gli scienziati cercano di diffondere i risultati di studi condotti in tutto il mondo: sono diminuiti i marker della mascolinità. In sintesi, il livello di testosterone di un uomo di 60 anni è più basso di quello si suo padre alla stessa età. Inoltre, la lunghezza del pene è diminuita di 1cm.

 

I fattori che determinano le difficoltà riproduttive dell’uomo sono tanti, ma a prevalere sarebbero componenti chimiche contenute nelle creme, nei prodotti per conservare o cuocere il cibo, nei coloranti dei tessuti e in così tanti altri oggetti di uso quotidiano che sarebbe difficile evitarli pur volendo.

 

A tal proposito, le difficoltà sono due: il mix e l’accumulo di sostanze chimiche pericolose per la fertilità dell’uomo, e l’assenza di un elenco definitivo degli agenti incriminati, il che si traduce in una mancata o diversa regolarizzazione a riguardo tra i paesi dell’Occidente.

 

Stando così le cose, in assenza di malattie e limitazioni oggettive e irreversibili, per prevenire l’infertilità maschile è basilare che l’uomo cambi atteggiamento e cominci a essere attento alla propria salute. I check up per l’uomo possono aiutare a monitorare molteplici parametri della condizione fisica, ma si tratta di una serie di analisi standard e si corre il rischio di eseguire esami inutili perché poco o affatto adatti alle personali esigenze. Il modo migliore di agire è affidarsi al proprio medico di fiducia che può prescrivere esami e controlli in base alla specifica storia clinica del paziente.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Andrologia
Forum Urologia



Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 18/04/2021 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.