Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Infezione da citomegalovirus: sintomi e terapie

Indietro

Infezione da citomegalovirus: sintomi e terapie

Citomegalovirus
Citomegalovirus - www.istockphoto.com






vota


Il citomegalovirus (CMV) appartiene alla famiglia degli herpes virus in cui troviamo anche i responsabili di malattie e disturbi molto comuni come la varicella, il fuoco di Sant’Antonio, l’herpes labiale e vaginale. Il 60-90% della popolazione mondiale è entrata in contatto con il virus che, per tale diffusione, è detto ubiquitario.

 

Una volta contratto, il CMV resta latente nell’organismo per manifestarsi in condizione di immunodepressione, quando il sistema immunitario è troppo debole per difendersi.

 

Come avviene il contagio

Il citomegalovirus è presente solo nella specie umana e il contagio avviene per via diretta – sangue, saliva, fluidi corporei – o indiretta – condivisione di posate e bicchieri, contatto con oggetti sporchi di saliva e altri liquidi corporei, trapianto di organi infetti e trasfusioni di sangue contaminato.

 

La trasmissione più frequente avviene tra i bambini o tra gli adulti che sono spesso a contatto con loro perché i bambini hanno l’abitudine di mettere gli oggetti in bocca e per un adulto è facile entrare in contatto con escrementi infantili cambiando il pannolino. Inoltre, già nella forma fetale i bambini sono esposti al rischio d’infezione da trasmissione primaria o secondaria, a seconda se la donna contrae il CMV per la prima volta durante la gravidanza o se il virus era già presente in modo latente e si manifesta nella gestazione, periodo in cui le difese femminili sono concentrate a proteggere il feto.

 

Quello del citomegalovirus in gravidanza è un tema articolato a cui dedicheremo un articolo. Per adesso ci basta dire che, in ambito medico, la trasmissione del CMV da madre a feto è tra le infezioni più preoccupanti per le conseguenze permanenti che può avere sul bambino: cecità, sordità, deficit mentali. Nei casi meno gravi, il neonato può manifestare alcuni disturbi temporanei come ittero, convulsioni, problemi a milza, pancreas o polmoni, o presentare sintomi del citomegalovirus latente a distanza di mesi o anni.

 

Con quali sintomi si manifesta il citomegalovirus

L’infezione da CMV è asintomatica. Il virus s’insinua in modo tanto subdolo da passare inosservato fino a che una condizione di immunodepressione ne manifesta la presenza, e ciò può avvenire anche a distanza di anni dal contagio. In tal caso, i sintomi del citomegalovirus sono comuni a numerosi altri disturbi e per questo non immediatamente associabili al virus: febbre, stanchezza, malessere diffuso, mal di gola, linfonodi ingrossati.

 

Per accertare la natura di questi disturbi, il medico può prescrivere il test che rileva la concentrazione di anticorpi IgM anti-CMV – prodotti entro una settimana dall’infezione e in risposta a essa – e di IgG anti-CMV prodotti dall’organismo dopo alcune settimane dall’infezione e forniscono una protezione dall’infezione primaria.

 

In un soggetto sano, i disturbi causati dal citomegalovirus si placano dopo un breve periodo per poi ripresentarsi in una successiva occasione di debolezza, esattamente come avviene con l’herpes labiale. In una persona immunodepressa – per esempio con AIDS, che segue emodialisi o ha subito un trapianto d’organi – l’infezione da citomegalovirus può essere così pericolosa da danneggiare polmone, fegato, pancreas, sistema nervoso centrale e, nei casi più gravi, portare al decesso.

 

Prevenire e curare il citomegalovirus

A oggi non esiste un vaccino per prevenire il citomegalovirus ma si possono seguire buone norme d’igiene per prevenire l’infezione: lavare le mani prima di cucinare e mangiare; curare l’igiene personale lavando spesso le mani con acqua e sapone per 20 secondi, specialmente dopo essere entrate in contatto con muco nasale, saliva e pipì di un bambino piccolo; disinfettare le superfici contaminate dai fluidi corporei dei bambini piccoli; evitare di baciare i bambini sulle labbra e di toccare gli oggetti che mettono in bocca; sottrarsi alla condivisione di alimenti, bevande e stoviglie.

 

A oggi mancano metodi efficaci e sicuri per il trattamento dell’infezione da citomegalovirus in gravidanza, mentre per le persone in buono stato di salute in cui si manifesta il CMV non è necessario seguire una terapia. Diverso è il caso di soggetti immunodepressi con infezione da citomegalovirus i quali hanno bisogno di specifici farmaci antivirali da assumere per via orale o endovenosa, secondo la valutazione del medico.

 

Fonti e approfondimento: www.analisidelsangue.net, www.epicentro.iss.it.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 14/08/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.