Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Tendinite d’Achille, come si cura?

Indietro

Tendinite d’Achille, come si cura?








vota


Fare sport fa bene, ma anche un’attività fisica apparentemente blanda e innocua può nascondere delle dolorose insidie. L’infiammazione al tendine d’Achille, per esempio, è il cruccio dei podisti.
Il tendine d’Achille collega due muscoli del polpaccio al tallone, per questo è una parte molto vulnerabile in chi pratica sport come la corsa o la passeggiata a ritmo sostenuto.

 

Come si cura la tendinite d’Achille?
Nonostante la difficoltà di movimento e le fitte di dolore anche intense, la tendinite d’Achille è un disturbo che si può curare con interventi di auto-medicazione.
La prima cosa da fare è fermarsi e mettere del ghiaccio sulla zona dolorante. Quando il tendine achilleo si infiamma bisogna bloccare qualsiasi movimento, altrimenti si rischia di provocare la rottura del tendine che, com’è facile intuire, richiede tempi di ripresa più lunghi.

 

Dopo aver tenuto il ghiaccio per circa 10 minuti, è necessario sollevare il piede da terra per evitare che il peso del corpo peggiori l’infiammazione e, dunque, il dolore. Nel frattempo, è consigliato massaggiare il polpaccio con delicatezza e solo nelle zone vicine al dolore. Nella zona colpita dall’infiammazione, sul tendine d’Achille si forma un nodulo di tessuto cicatriziale che, con il passare dei giorni e dei massaggi, si scioglie fino a scomparire.
A volte l’infiammazione è così acuta che bisogna ricorrere agli antidolorifici per avere un po’ di sollievo.

 

Se l’auto-medicazione non risolve la tendinite d’Achille, occorre rivolgersi a un fisioterapista che consiglia gli esercizi mirati alla soluzione del problema.

 

Oltre a curarla, la tendinite d’Achille si può prevenire. Come? Con un corretto stretching prima dell’attività fisica, l’intensificazione graduale dell’allenamento, l’uso di scarpe comode e il rispetto dei momenti di riposo durante la corsa o la passeggiata.

_________________________________________________
Chiedi un consulto ai medici di ABCsalute
Fisioter
3C+A centro di fisioterapia


2 commenti

  1. Buongiorno, non potendola visitare e non sapendo quali sono le cure da lei effettuate posso darle una panoramica di quello che è il protocollo per la cura delle tendinopatie dell’achilleo, siano esse tendinosi o tendiniti.
    Innanzitutto è doveroso specificare che la causa della tendinopatia dell’achilleo non è mai un evento singolo ( quale può essere una scarpa “sbagliata” o uno sforzo eccessivo), ma piuttosto un insieme di fattori intrinseci ( piede pronato, piede supinato, piede piatto, piede cavo, brevità congenita dell’Achilleo) e di fattori estrinseci ( solitamente un trauma improvviso o una sindrome da overuse).
    il protocollo di base solitamente prevede:

    – Ciclo 3+3 onde d’urto focali
    – Stretching terapeutico ( 30 sec per gamba, minimo 5/6 volte al di)
    – Integratore alimentare per l’idratazione e l’elasticità del tendine
    (io solitamente consiglio CondroAlfa bustine 1 al di per 40 gg, di gran lunga il miglior nutraceutico attualmente sul mercato)

    Questo protocollo permette di trattare con successo circa il 90% delle tendinopatie dell’Achilleo

    Se ci si dovesse trovare di fronte ad un patologia refrattaria alla terapia conservativa il mio protocollo prevede:

    – Ciclo infiltrativo con PRP autologo (x3)

    Il PRP autologo ( conosciuto anche come Fattori di Crescita o Gel Piastrinico) è una tecnica che permette, grazie ad un piccolo prelievo di sangue periferico, di infiltrare tendini, muscoli e articolazioni, richiamando cellule staminali già presenti nel nostro organismo.
    Grazie alla concentrazione di queste staminali totipotenti nel tessuto infiltrato avremo un’azione antiinfiammatoria decisamente superiore alla norma e una rigenerazione tissutale che permette la guarigione in tempi estremamente ridotti ( anche del 50%) .

    La tecnica infiltrativa con PRP autologo ha una percentuale di riuscita estremamente alta ( ci attestiamo intorno al 96/97% dei casi trattati)

    Se anche il protocollo con Fattori di Crescita non dovesse dare risultati si può sempre ricorrere alla chirurgia.

    Personalmente effettuo tale chirurgia con una tecnica percutanea, che permette una ospedalizzazione nulla, una ripresa rapida e nessuna presenza di cicatrici chirurgiche

    Se volesse approfondire gli argomenti trattati visiti:

    http://www.ortopediarigenetativa.it
    http://www.augustomorandi.com
    http://www.footclinicmilano.it

  2. Giampaolo ha detto:

    Il tutto si è scatenato dopo aver calzato una scarpa nuova per un giorno. È iniziato così. Poi ho avuto grande dolore dopo una camminata in montagna o dopo una camminata nel bosco alla ricerca di funghi (salite e discese continue) calzando i classici scarponi . Sono 2 anni che soffro di infiammazione al tendine d’Achille, con periodi di forte dolore alternati ad altri dove il dolore stesso è meno forte. Visto da ortopedico, fisioterapista, osteopata e trattato non ho avuto alcun miglioramento. Il dolore è più forte al mattino, quando scendo dalla macchina dopo aver guidato, e si estende verso l’alto nel polpaccio. Il dolore è più forte nella parte
    destra ma è presente anche nella parte sinistra. Non mi è stato prescritto nessun esame specifica, vedi risonanza magnetica o oltre, se non un plantare. Il tutto condizionata mia vita. Suggeritemi che percorso fare, non ne posso più di questo dolore. Grazie


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 28/09/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.