Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Vaccino e autismo: nessuna relazione

Indietro

Vaccino e autismo: nessuna relazione

Vaccino e autismo
Vaccino e autismo, nessuna relazione - Fotolia






vota


Un nuovo studio scientifico conferma ciò che la comunità medica afferma da tempo: non esiste alcuna relazione tra il vaccino e l’autismo.

 

Il vaccino sotto accusa è il trivalente contro morbillo, parotite e rosolia. La paura che il vaccino possa causare o facilitare l’insorgere dell’autismo ha provocato in tutto il mondo una pericolosa diffusione di movimenti anti vaccinazione. È un comportamento pericoloso perché si configura come un problema di sanità pubblica per l’aumento di bambini affetti da malattie ormai superate, e perché si rischia, in alcuni casi, di rendere attuali patologie che in passato hanno causato centinaia di decessi, come abbiamo raccontato nel post sull’epidemia di morbillo in California.

 

Vaccini e autismo: lo studio

I ricercatori del Lewin Group hanno condotto uno studio finanziato dal National Institute of Mental Health, dai National Institutes of Health e dal U.S. Department of Health and Human Service. La ricerca si è svota su 95.000 bambini, 1.929 dei quali avevano un fratello maggiore autistico. Nel corso del periodo di osservazione, 994 bambini hanno ricevuto diagnosi di autismo, 134 (6,9%) dei quali avevano un fratello autistico mentre 860 (0,9%) avevano un fratello sano.

 

Il risultato dello studio è stato pubblicati su JAMA – Journal of American Medical Association – e ha dimostrato l’assenza di una correlazione tra vaccini e autismo, a qualsiasi età e a prescindere dalla presenza di un fratello autistico.
Lo studio americano conferma una verità scientifica già diffusa su numerosi siti e riviste autorevoli eppure ignorata da quanti sostengono con fermezza la pericolosità della vaccinazione.

 

Non vaccinare i propri figli significa mettere a rischio la salute degli altri bambini e quella di tutta la popolazione e, per frenare e scoraggiare il dilagare di questa tendenza, alcuni stati stanno intervenendo con misure forti, come l’Australia che ha deciso di negare il diritto all’accesso ai sussidi statali per la salute a chi non vaccinerà i propri figli.

 

In questo contesto si inserisce la settimana europea delle vaccinazioni dedicata nel dettaglio agli anziani e in generale alla popolazione di ogni età che ha bisogno di essere sensibilizzata sul tema. L’iniziativa nasce da HappyAgeing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo, che ha tra i suoi obiettivi scientifici quello di allungare di due anni la vita in salute dei cittadini.
In Italia le società scientifiche pediatriche, di medicina generale e di igiene, insieme hanno dato vita al Calendario per la vita che, se applicato in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale garantirebbe un equo, democratico, sostenibile ed efficace strumento di tutela della salute dei cittadini. Per maggiori informazioni e approfondimenti, visita il sito dell’Osservatorio delle malattie rare. 


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2022 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 27/09/2022 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.