Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
holly71
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
buonasera
ho bisogno di sapere alcune cose circa questa patologia
mia madre 79 anni
obesa
diabetica
edemi alle gambe
ipotiroidismo
anemia (emoglobina 8)
4 insuline al giorno
cardioaspirina
lasix da 25 mg
episodi di fiato corto ...
lunedi 8 luglio ha cominciato a respirare male (forte affanno anche da ferma )è stata vista da un cardiologo a domicilio che le ha fatto un elettrocardiogramma
PA 80\160
RANTOLI POLMONARI
DIAGNOSI insufficienza respiratoria
cardiopatia ipertensiva
anemia
...voi con una situazione cosi l'avreste ricoverata?...ho bisogno di risposte perchè mia madre è morta il 13 luglio probabilmente per un 'embolia polmonare visto che i sintomi c'erano tutti ,aveva le gambe gonfie e dure con ulcere che si aprivano e dalle quali usciva siero giallastro ....ma si potra' morire cosi !!!! :evil:
 
Prof. Dr Pasquale Nigro
WB998
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 72
Purtroppo sua madre era affetta da tante patologie, di cui la cardiopatia ipertensiva era una delle tante. La cardiopatia ipertensiva è la complicanza ovvie di una ipertensione arteriosa; il cuore sinistro (atrio e ventricolo) deve lavorare contro uno sbarramento in aorta legato ai valori di pressione elevata. Più alta è la pressione arteriosa, più il cuore deve lavorare. Ciò porta in una prima fase ad una ipertrofia ventricolare sinistra (le pareti si ipertrofizzano, aumenta lo spessore della parete, salvo successivamente se la terapia non è congrua e la P.A. resta alta, nel tempo (anni) si assiste alla dilatazione del ventricolo sinistro che ha una ridotta capacità di inviare il sangue in aorta. Ciò provoca la comparsa in acuto di manifestazioni di edema polmonare acuto (in occasione p.es. di un ulteriore rialzo pressorio, crisi ipertensiva) o di scompenso cronico con rantoli subcrepitanti alle basi polmonari. La condizione di edema polmonare acuto, se non trattata energicamente, può portare a morte per "annegamento interno", per produzione di eccesso di liquido che non riesce ad essere riassorbito, riempie i polmoni e non fa avvenire gli scambi gassosi. La sitazione di sua madre era aggravata dall'essere tra l'altro obesa, diabetica, di avere queste gambe sempre gonfie, probabilmente perchè, per i suoi acciacchi, tendeva a star seduta in poltrona, con conseguente stasi venosa. Una situazione di questo genere, può anche aver provocato la formazione di una trombosi venosa profonda e la partenza quindi di un embolo (embolia polmonare. L'improvvisa dispnea (se p.es. aveva una modesta dispnea o a riposo non aveva dispnea, aggravatasi improvvisamente con una importante e persistente dispnea) può far pensare ad una embolia polmonare che è molto più frequente di quanto non si possa pensare in pazienti obesi, con scarsissima attività fisica, praticament allettati o seduti stabilment in poltrona. Il fatto che le uscisse liquido giallognolo dalle gambe era dovuto allo scompenso anche di tipo desto con edemi vistosissimi agli arti inferiori. Lei mi fa una domanda grave: c'erano le condizioni per chiedere un ricovero? Non conoscendo la paziente, non è facile dare un giudizio; penso però che se fosse stata mia madre, avrei cercato di ricoverarla. Mi convince poco la diagnosi del cardiologo: insufficienza respiratoria; è tutto ed è nulla! A maggior ragione se non si sentiva in grado di seguirla a casa, doveva avviarla aun pronto soccorso, specie se il sospetto era a metà tra un edema o subedema polmonare ed una embolia polmonare. Ma poi che terapia ha dato? Ha caricato con il Lasix,anche intramuscolo od endoven, ha fatto qualcosa per migliorare l'anemia, ha fatto dosi importanti di eparina a basso peso molecolare, ha dato antibiotici e mucolitici? Le notizie da lei fornite sono troppo scarse per poter esprimere un giudizio più completo. Purtroppo sua madre è morta; è stata fatta una autopsia? Non voglio confortarla, ma una paziente in quelle condizioni ha già raggiunto un'età avanzata, che, se curata meglio negli anni pregressi, sarebbe probabilmente vissuta più a lungo, ma se avesse fatto delle cure adeguate negli ultimi venti anni! A sua disposizione Pasquale Nigro
P.S. non vuoi o non puoi ricoverare un paziente, mettilo nelle condizioni generali e terapeutiche, se ci riesci, di avere un minimo miglioramento, a casa sua, ma fallo assistere da un o più infermieri, etc. Oggi fa facendosi sempre più strada il concetto che tanto sono vecchi e non si può far nulla per loro!!!!

_________________
Prof. Dr Pasquale Nigro
    95126 CATANIA (CT)
    C/o Polimedica Nettuno - Via Teseo, 13
    0958365911
    pasquale-nigro@virgilio.it
http://www.pasquale-nigro.abcsalute.it
 
Prof. Dr Pasquale Nigro
WB998
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 72
Signora, scusi la mia presunzione, ma il medico che ha visitato sua madre era un cardiologo di sua fiducia, un cardiologo di vaglia, oppure uno di quelli che si spacciano per cardiologi ma non sono neanche specializzati in cardiologia e lo sono in pneumologia, genecologia, od altro? Se la risposte è positiva, a maggior ragione avrebbe dovuto tentare in tutte le maniere di ricoverarla, se non altro, per il pricincio del "cicero pro domo sua", che avrebbe fatto meno cattiva figura e non si sarebbe caricato di un peso eccessivamente gravoso che le "sue esili" spalle, ma soprattutto alla fine non avrebbe avuto sul groppone la morte di sua madre!!!! Mi scriva al pasquale-nigro@virgilio.it

_________________
Prof. Dr Pasquale Nigro
    95126 CATANIA (CT)
    C/o Polimedica Nettuno - Via Teseo, 13
    0958365911
    pasquale-nigro@virgilio.it
http://www.pasquale-nigro.abcsalute.it
 
3 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Visita Medicina Interna

L'internista è un medico che ha numerose competenze multidisciplinari tali da consentirgli di valutare patologie complesse e multifattoriali che, normalmente, necessitano dell'intervento di altrettant...

Check up Cardiologico

Il Check up cardiologico è uno screening completo del cuore e delle sue funzionalità. Si articola in una serie di esami che, insieme, concorrono a delineare il quadro completo della salute cardiaca de...

ECG con prova da sforzo

L'elettrocardiogramma (ECG) con prova da sforzo cardiorespiratoria, o test ergometrico, è un'indagine strumentale che consiste nell'effettuazione un ECG durante l'esecuzione di uno sforzo fisico.L'ele...

EcoCardioColordoppler

L'EcoCardioColordoppler è un esame diagnostico ampliamente usato in cardiologia perché permette al medico di analizzare le strutture cardiache e l'anatomia del cuore in modo non invasivo, Il paziente ...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Trapianto di cuore, quando la pompa cardiaca si indebolisce

Il trapianto di cuore è indicato in caso di grave patologia cardiopatica. La causa più...

La Vitamina E ha un influsso positivo sulla cardiopatia coronarica

Antiossidanti e cardiopatia coronarica. Un vasto numero di studi epidemiologici osservazionali hanno...

Nefropatia: qualsiasi patologia renale Nefropatia: qualsiasi patologia renale

Il termine nefropatia non indica una patologia renale specifica ma in genere qualsiasi malattia che ...

Ridere aiuta a prevenire aterosclerosi, infarti ed ictus. Ridere aiuta a prevenire aterosclerosi, infarti ed ictus.

Ridere fa bene al cuore. E non è un eufemismo. A sostenere che la scarica positiva di una ris...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Guidalberto Guidi

Il Cardiologo di Torino Dr Guidalberto Guidi ha maturato nel tempo, con la prati...

Dr Giuseppe Scaccianoce

Il Dr Giuseppe Scaccianoce, Cardiologo a Catania, oltre ad una prestigiosa forma...

Dr Vincenzo Polini

Il Cardiologo a Taranto Dr Vincenzo Polini, data la sua esperienza maturata in u...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti