Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
Maik9810
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Salve, sono un ragazzo di 21 anni, scrivo perchè sono molto preoccupato per quello che mi sta succedendo ultimamente.
Sono al secondo anno di ingegneria, in piena sessione per l'esattezza e il problema principale è la mancanza totale di concentrazione, o meglio studio ma ho la sensazione di non riuscire ad assimilare le cose, sento la mente offuscata e "irrigidita", come se ci fosse una nebbia che mi impedisce di ragionare come vorrei. Premetto che l'anno scorso, al primo anno non ho assolutamente avuto questo genere di problemi e sono riuscito a passare tutti gli esami con voti soddisfacenti, mentre quest anno fatico ad arrivare alla sufficienza, non era mai successo prima d'ora nemmeno ai tempi del Liceo.
Mi è capitato ultimamente di avere anche qualche forte mal di testa, si parla di una o due volte al mese, che pulsava come se avessi una morsa che facesse pressione sulla testa, inoltre da un mese ormai in concomitanza con l'inizio della sessione mi sento diverso, assente, come se non fossi realmente nelle situazioni che mi circondano, l'ho notato soprattutto con la mia ragazza, è come se la mia mente fosse in stand-by,in un altro luogo e non trovo nemmeno qualcosa di cui parlare, cosa che non è mai successa essendo io di solito l'anima della festa, insomma è come se non fossi più me stesso, come se la mia personalità fosse cambiata. Soffro molto la cosa, anche perchè alcuni miei compagni di università mi hanno fatto pesare la cosa dicendomi che sono peggiorato e quasi irriconoscibile dal punto di vista scolastico rispetto a un anno fa.
Non ho mai fatto uso di sostanze e cose simili, e nei mesi da Settembre a Gennaio ho affrontato un brutto periodo causato dalla separazione con una ragazza che mi ha portato quasi alla depressione. Cercando su internet ho trovato qualche analogia con i sintomi del tumore cerebrale al lobo frontale, che ovviamente mi ha messo ancora più ansia, vorrei gentilmente chiedere come vedete la situazione nei limiti di un consulto online, grazie in anticipo.
Inviato: 24/06/2019, 18:27
 
Prof. Dr Alfio Giovanni Patanè
WB995
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 229
Gentile Signore,
Potrebbe trattarsi di un iniziale disturbo depressivo commisto a notevole grado ansioso. Tuttavia, per sicurezza, le raccomando di rivolgersi al suo neurologo di fiducia.
Cordiali saluti
Inviato: 26/06/2019, 18:33

_________________
Prof. Dr Alfio Giovanni Patanè
    95128 Catania
    Via Caronda 460
    Tel.095/430661
    neurologopatane@email.it
http://www.alfio-g-patane.abcsalute.it
 
2 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Visita geriatrica

La visita geriatrica è una visita medica consigliata alle persone che hanno superato i 65 anni di età. Il geriatra effettua un normale controllo medico del tutto simile alle visite specialistiche di a...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Settimana mondiale del cervello Settimana mondiale del cervello

Dal 14 al 20 marzo torna l’annuale appuntamento con la Settimana mondiale del cervello promossa dall...

Scacchi: il gioco intellettuale per eccellenza Scacchi: il gioco intellettuale per eccellenza

Potrebbero volerci anni, ma una volta diventati campioni di scacchi la mente ne trae grandi benefici...

DEPRESSIONE MAGGIORE

La depressione maggiore è un grave disturbo psichico che colpisce ogni anno circa il 5% della...

Impulsi elettrici per la cura dell’Alzheimer Impulsi elettrici per la cura dell’Alzheimer

Lo sviluppo dell'Alzheimer potrebbe essere fermato ricorrendo ad alcune lievi scariche elettriche di...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Mariella Agresti

Il Neurologo a Grosseto Dr Mariella Agresti, dopo oltre 30 anni di esperienza os...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti