Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
MACLAROSO
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Allegato:
Referto istologico prostata.pdf [816.01 KiB]
Scaricato 21 volte
Buonasera, ho 53 anni e sono stato operato lo scorso 9 dicembre per tumore prostatico (gleason 3+4 dopo biopsia). Vi scrivo per chiedervi qualche consiglio, per quanto possibile, per talune problematiche ancora irrisolte conseguenti a intervento di prostatectomia radicale robotica. Dopo oltre quattro mesi dall'intervento, per quanto riguarda l'aspetto prettamente urinario posso dire di avere lievissimi problemi di incontinenza limitati a saltuarie fuoriuscite di urine che riesco a controllare senza difficoltà mediante contrazione della muscolatura pelvica. Il problema invece che mi affligge ormai da tempo, in particolare dalla rimozione del secondo catetere, avvenuta purtroppo dopo oltre un mese dall'intervento a causa di una complicanza post operatoria, (deiscenza dell'anastomosi vescico-uretrale che mi ha causato per pochi giorni il transito delle urine in addome anziché in vescica dopo che mi era stato rimosso il primo catetere a seguito dell'intervento) è rappresentato dal fatto che non riesco mai a svuotare la vescica se non con ricorso ad elevato utilizzo del torchio addominale con notevole sforzo ed anche fastidio e disagio. Infatti molto spesso, dopo aver urinato sento il bisogno di urinare ancora e quasi sempre avverto anche bruciore nella zone del glande e sintomatologia dolorosa lungo il pene, oltre al fatto che la minzione stessa, di per sè lenta e talvola con mitto goccioloso, inizia con qualche difficoltà e con qualche doloretto che avverto appunto durante il passaggio dell’urina dalla vescica all’uretra e poco prima della fuoriuscita dal meato uretrale. A questo si aggiunga anche il fatto che, talvolta, più frequentemente durante le ore notturne, avverto delle fitte, tipo spasmi molto dolorose nella zona anale che sembrano propagarsi anche lungo le vie urinarie; sinceramente non riesco a spiegarmi se questa sintomatologia dolorosa possa dipendere, per esempio, dal fatto che lo sforzo eseguito più volte nel corso della giornata, per tentare di urinare in maniera completa, crei problemi di riflesso allo sfintere anale ed a tutta la zona interna all'ano. Aggiungo, per completezza d'informazione, che a febbraio scorso, nel corso del controllo post operatorio effettuato presso la struttura ospedaliera dove sono stato operato, mi hanno anche eseguito un'uretrocistografia per verificare che l'anastomosi fosse a posto, tale esame non ha evidenziato anomalie tali da giustificare i miei disturbi. Mi è stato consigliato, per migliorare la sintomatologia dolorosa e la qualità della minzione, di assumere per una settimana del cortisone per decongestionare le vie urinarie evidentemente infiammate, l'ho fatto ma nulla è cambiato. Per cui vi chiedo un consiglio su cosa potrei fare (esami, terapie o altro) per capire ed eliminare questo fastidioso problema temendo che possa cronicizzare. Ci può essere secondo voi un coinvolgimento dell'apparato intestinale visti i dolori nella zona anale o devo indagare in maniera più approfondita su tutto l'apparato urinario?
In ultimo, vorrei parlarvi brevemente dell'aspetto più propriamente andrologico. Premesso che l'intervento è stato eseguito con la tecnica "nerve-sparing" mi hanno prescritto terapia riabilitativa della D.E. consistente nell'assunzione per un anno, a giorni alterni di SPEDRA 200 mg, terapia che purtroppo non ho potuto cominciare subito dopo l'intervento a causa dei predetti problemi di lunga cateterizzazione (25 giorni dalla deiscenza) e quindi cominciata soltanto dopo 45 giorni dall'intervento. Ad oggi, a distanza di circa 5 mesi dall'intervento sto assumendo SPEDRA regolarmente ma di erezione non se ne parla proprio, mentre la libido non manca. Mi è stato suggerito anche di utilizzare lo strumento "VACUUM DEVICE" che sinceramente non mi entusiasma più di tanto in quanto avverto dolore lungo il pene quando provo ad erigerlo e comunque non ho riscontrato miglioramenti dal punto di vista erettivo. Non sarebbe il caso di provare a cambiare la terapia farmacologica? (cialis, viagra, ecc.) O magari fra qualche mese le erezioni, previa adeguata eccitazione, potrebbero spontaneamente ritornare? Nel caso ciò non accadesse, sarebbe sbagliato pensare ad un intervento di protesi peniena vista la mia età? (ho 53 anni).
Ringrazio infinitamente per le risposte che, eventualmente, vorrete fornirmi per fugare i miei dubbi e le mie ansie. Considerate, pure, che in questo bruttissimo periodo dove tutto è in funzione dell'emergenza coronavirus, non riesco ad avere neanche una visita uro-andrologica a pagamento da nessuna parte purtroppo.
Cordiali Saluti.
 
1 messaggio
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Cistoscopia

La cistoscopia è un esame diagnostico effettuato in presenza di sospette malattie riguardanti uretra, vescica e prostata, come ad esempio l'ematuria, il dolore pelvico e le infezioni recidivanti, la v...

Instillazioni endovescicali

Le instillazioni endovescicali consistono nella somministrazione di un farmaco che serve a impedire la recidiva di un tumore alla vescica nei pazienti che ne hanno avuto uno. Attraverso un piccolo c...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Patologie trattabili con tecnica laparoscopia e/o robotica

INTERVENTI SUL RENE -ca o rene non funzionante: nefrectomia   laparoscopica -ca urotelial...

La Laparoscopia Robotica in Urologia

Il primo robot, cui   fu dato il  nome " da Vinci " in onore al grande Leonardo, fu m...

Urologia cura l'apparato genito-urinario Urologia cura l'apparato genito-urinario

L'urologia è una branca specialistica medica e chirurgica che si occupa delle patologie dell&...

Il tumore alla prostata è il cancro più frequente tra gli uomini sopra i 65 anni Il tumore alla prostata è il cancro più frequente tra gli uomini sopra i 65 anni

Il tumore della prostata è la neoplasia più comune tra gli uomini sopra i 65 anni di e...



TROVA LO SPECIALISTA

Casa di Cura San Michele

La Casa di Cura San Michele ha come caratteri distintivi la competenza professio...

Dr Andrea Militello

L’Urologo a Roma Dr Andrea Militello, medico chirurgo, è anche Andr...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.