Indietro

I sintomi di intossicazione alimentare sono di facile decodifica

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 31/08/2010

I sintomi di intossicazione alimentare. I più comuni sintomi di intossicazione alimentare si manifestano con diarrea, crampi addominali, febbre, mal di testa, vomito, grave stanchezza, e talvolta con sangue nelle feci e anche pus. Tuttavia questi sintomi variano a seconda del tipo di organismo e della quantità di contaminanti mangiata.

 

Quando compaiono i sintomi di intossicazione alimentare. In casi rari i sintomi possono emergere già una mezz'ora dopo aver mangiato il cibo contaminato, ma in genere non si sviluppano per diversi giorni o settimane. I sintomi di una malattia virale o da parassita possono non comparire anche dopo diverse settimane dopo la contaminazione. I sintomi di solito durano solo un giorno o due ma in alcuni casi possono persistere da una settimana a 10 giorni.

 

I soggetti a rischio di malattie a trasmissione alimentare. Le condizioni che favoriscono le patologie da alimenti sono:
• malattie del fegato (uso eccessivo di alcol ed epatite virale);
• emocromatosi;
• diabete;
• problemi di stomaco con bassa acidità;
• cancro;
• asma;
• artrite;
• disturbi del sistema immunitario, tra cui l’infezione HIV;
• uso prolungato di steroidi.

 

Suggerimenti per la prevenzione. L'idea che il cibo sulla tavola possa far male può disturbare ma si possono adottare alcuni accorgimenti per proteggere la famiglia e gli ospiti la cena.
Ecco alcune regole di base della sicurezza alimentare che inizia con la spesa al supermercato:
• non acquistare cibo in scatola in contenitori rigonfio ammaccati o in vasetti con i coperchi allentati
• non acquistare frutti di mare crudi e utilizzare solo latte e formaggi pastorizzati
• scegliere le uova che vengono refrigerate nel negozio e controllare che siano pulite e non incrinate
• selezionare gli alimenti surgelati e deperibili come carne, pollame o pesce fresco e mettere sempre questi prodotti in distinti sacchetti di plastica in modo che le sgocciolature non contaminino altri alimenti
• non acquistare prodotti ittici congelati se i pacchetti sono aperti, strappati o schiacciati sui bordi
• evitare i pacchetti che sono al di sopra della linea di gelo nel freezer del negozio
• se il coperchio del pacchetto è trasparente, cercare segni di gelo o cristalli di ghiaccio perché il pesce potrebbe essere stato conservato per lungo tempo o scongelato e ricongelato
• controllare lo stato di pulizia del settore della carne e del pesce e il bancone delle verdure e delle insalate
• acquistare solo crostacei il cui approvvigionamento sia controllato diffidando dei fornitori che vendono frutti di mare sulla strada
• acquistare del ghiaccio per mantenere i cibi surgelati e deperibile freddi se ci vuole più di un'ora per arrivare a casa con la spesa.

 

Questi sono solo alcuni suggerimenti, altri provengono dal buon senso di chi fa la spesa, tenendo sempre presente che le malattie a trasmissione alimentare possono avare esiti gravissimi.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 27/02/2017