Trapianto come soluzione di gravi patologie

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 03/12/2009

Il trapianto di organi si presenta con varie tipologie.

 

L'autotrapianto di organi o tessuti rigenerabili elimina il rischio di rigetto e l'esigenza di farmaci immunosoppressori.  È un’opportunità che si presenta nel caso di interventi programmati, nei quali può rendersi necessario un trapianto di organi o tessuti. Grazie ai progressi della crioconservazione, è possibile il prelievo di cellule per un eventuale autotrapianto, anche a grande distanza di tempo, in presenza di patologie che lo rendano necessario.

 

L’allotrapianto è il trapianto di organi o tessuti tra due diversi soggetti della stessa specie. Questo tipo di trapianto può provocare il rigetto in quanto il sistema immunitario può identificare ed attaccare l’organo o il tessuto “non proprio” introdotto.

 

L’isotrapianto è un allotrapianto in cui il donatore e il ricevente sono geneticamente identici, come nel caso di due gemelli omozigoti. Questo tipo di trapianto si differenzia dagli altri allotrapianti perché gli organi isotrapiantati essendo dal punto di vista genetico identici a quelli del ricevente, il corpo del ricevente riconosce come proprio l'organo ricevuto e non scatena la reazione immunitaria del rigetto.

 

Lo xenotrapianto o trapianto da animale ha la prospettiva di trovare donatori (es. il suino) i cui organi hanno caratteristiche simili a quelli umani. La più evidente difficoltà è quella immunologica ma diverse ricerche si stanno concentrando sullo sviluppo di animali geneticamente modificati per poter superare alcune barriere.

 

I quesiti etici a proposito dello xenotrapanto sono posti dai militanti animalisti che si oppongono alla creazione di animali come riserva di organi per gli esseri umani. A questa preoccupazione si risponde con il primato dell’uomo in natura e con la scarsa disponibilità di organi per allotrapianti, rispetto all'elevata domanda.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 22/09/2017