Indietro

Trapianto dell'intestino tenue, intervento raro

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 11/05/2010

Il trapianto dell’intestino tenue si effettua su pazienti che hanno gravi disturbi in questo settore dell’intestino come la riduzione dell’irrorazione sanguigna, estese resezioni dello stesso, severe patologie infiammatorie che non consentono l’assorbimento del cibo (che avviene quasi totalmente nel tenue) come nel caso del Morbo di Crohn, tumori intestinali benigni, tare ereditarie, complicazioni dovute al parto e ad esiti di radioterapie.

 

La riduzione dell’intestino. Se gli interventi chirurgici riducono l’intestino tenue a meno di un metro si verifica la sindrome da intestino corto. Questa condizione riduce la capacità di assorbimento di sostanze nutritive che devono essere integrate per via endovenosa (Nutrizione Parenterale Totale).  Inoltre si viene afflitti da anemia, crampi, cecità notturna, dolori articolari, tendenza al sanguinamento, patologie epatiche tra cui la cirrosi, pericolose infezioni, occlusioni dei vasi sanguigni, formazioni di calcoli renali o biliari.

 

La nutrizione artificiale. Oltre alla pessima qualità di vita di chi vi è sottoposto, in breve tempo si hanno gravi ripercussioni irreversibili a carico di altri organi, soprattutto del fegato. Infatti col passare del tempo i lipidi immessi nel circolo sanguigno sovraccaricano il fegato facendolo evolvere verso una cirrosi ; e poi i cateteri fissi, usati per la nutrizione parenterale, possono veicolare severe infezioni e/o trombosi. E per di più non si vede soluzione.

 

Le possibilità. In questa situazione di oggettivo pericolo per il paziente le alternative più efficaci sono il trapianto dell’intestino tenue o il trapianto combinato fegato-intestino tenue.  Poiché l’esito dell’intervento dipende dall’età del paziente, nei giovani si procede spesso a questo trapianto anche se non è sorto ancora il problema della nutrizione artificiale.

 

La procedura. Il trapianto dell'intestino tenue è poco frequente e quindi la casistica non consente ancora di definire un protocollo chirurgico definitivo e consolidato. Le particolari caratteristiche anatomiche del paziente possono infatti richiedere correzioni ai metodi di intervento. Inoltre seri danni ad altri organi come il fegato dovuti all’alimentazione artificiale portano spesso ad orientarsi verso il trapianto multiorgano.

 

trapianto multi organo link con art. 1. 4, 9



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 26/05/2017