Indietro

La profilassi prevede anche l’isolamento per contumacia

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 22/01/2010

La profilassi è una qualsiasi procedura medica o di sanità pubblica il cui scopo è prevenire, piuttosto che curare o trattare, le malattie. Le misure di profilassi sono divise in profilassi primaria (per prevenire l'insorgere di una malattia), profilassi secondaria (per difendere il paziente dal peggiorare della patologia acquisita).

 

La profilassi primaria si può dividere in "diretta" e "indiretta".

 

La profilassi indiretta non si rivolge ad un determinato agente eziologico ma ricopre la sfera ambientale e quella rivolta alla persona, con interventi generici e non specifici. Nell'ambito ambientale gli interventi sono rivolti all'ambiente fisico (depurazione dell’acqua, bonifica terreni, etc.) e all'ambiente sociale (miglioramento livello socio-assistenziale, etc.). Per quanto riguarda la persona, rientrano nella profilassi indiretta tutte quelle pratiche di educazione, formazione e informazione sanitaria.

 

La profilassi diretta. Per quanto riguarda l'ambiente, le procedure di profilassi diretta sono la disinfestazione (eliminazione dei vettori animali), la disinfezione (eliminazione di microorganismi patogeni) e la sterilizzazione (eliminazione di tutti i microorganismi). Queste ultime due procedure, in ambito ospedaliero, servono ad evitare il passaggio dell'agente eziologico da paziente a paziente, da paziente a personale sanitario e da personale sanitario a paziente.

 

L’isolamento. Questa procedura (domiciliare o ospedaliera) prevede l'isolamento del paziente da tutti (escluso il personale sanitario). Nell'ambito ospedaliero l'isolamento si avvale di due livelli di "protezione”. Il primo livello, quello standard, si attiva in presenza di sangue o altri liquidi corporei, mucose e cute scoperta, e prevede l'impiego di guanti, camici, mascherine etc. Nel secondo caso ulteriori protezioni sono attivate secondo il tipo di microorganismo riscontrato.

 

La contumacia vera e propria prevede l'obbligo di permanenza del soggetto in un luogo prestabilito, la sorveglianza sanitaria, ovvero l'obbligo di controlli ad intervalli prestabiliti (ma nessun'altra limitazione alla libertà individuale). L'accertamento diagnostico si propone di individuare l'agente eziologico e capire qual è la causa della malattia. L'inchiesta epidemiologica individua la sorgente dell'infezione, i vettori, l'area geografica e studia il fenomeno nel tempo, definisce la curva epidemiologica e descrive il pool di soggetti recettivi.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 26/05/2017