La colpa medica in tribunale: un fenomeno crescente

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 31/08/2010

La colpa medica in tribunale. La medicina non è una scienza esatta, bensì un'arte pratica rigorosamente fondata su presupposti scientifici. Essa si confronta infatti con una realtà astratta (la malattia) che viene affrontata, di volta in volta, nella sua proiezione concreta (l'individuo malato). Questo ampio margine di soggettività e la peculiarità del rapporto medico-paziente hanno costituito il punto di partenza per l'incremento, registrato negli ultimi anni, della conflittualità in sede penale e civile per i casi di errore sanitario, portando la colpa medica in tribunale.

 

Le caratteristiche della medicina oggi. La medicina attuale ha in parte perduto la caratteristica ippocratica basata sulla beneficenza, per diventare sempre più medicina relazionale. Il rapporto dialogico con il cittadino-paziente costituisce in modo sempre più accentuato l'elemento centrale dell'opera medica; si determina così nel sanitario una crescente consapevolezza dell'utilità del coinvolgimento della parte debole (chi soffre) e nel paziente un’acuita sensibilità alla responsabilità individuale. L'espressione tipica di questo nuovo rapporto è il consenso informato la cui istituzione non ha tuttavia diminuito la responsabilità professionale in ambito giuridico.

 

Cause e risarcimenti. La crescente consapevolezza del paziente relativa ai propri diritti in materia di qualità dell’assistenza sanitaria, sia garantita dallo Stato sia pagata in proprio, ha visto un’impennata delle vertenze specifiche. Da una valutazioni delle compagnie assicuratrici emerge il dato presuntivo, ma comunque rilevante, di 20-30 mila casi all'anno di azioni giudiziarie e stragiudiziarie, per cattiva pratica medica e sanitaria. A ciò si aggiunga il peso rilevante dei risarcimenti, maggiori rispetto a quelli per sinistri pagati in caso di responsabilità civile (RC auto).
Si comprende così l'allarme degli assicuratori per il crescente numero di colpa medica portata in tribunale, che per i medici si traduce in aumenti consistenti del premio delle polizze a parità di copertura. Questa spirale crescente del risarcimento sembra portare ad una rinuncia delle compagnie di assicurazione a offrire polizze a copertura della responsabilità medica.

 

Le modifiche del rischio. Alcuni fattori obiettivi che giustificano le modifiche in aumento del rischio, e quindi dei costi assicurativi, sono stati identificati nei seguenti:
• la prestazione medica è ormai quasi sempre considerata obbligazione contrattuale, ovunque sia resa (pubblico o privato) e si è manifestata la tendenza della giurisprudenza a chiarire l'obbligatorietà del risultato piuttosto che dei mezzi;
• il danno biologico si sovrappone al danno esistenziale, il cui rimborso è stato talora riconosciuto anche agli stretti congiunti in quanto danno morale;
• la medicina preventiva sposta l'attenzione dall'individuo malato al sano, la cui aspettativa non è più quindi solo la salute, ma una migliore qualità di vita;
• il consenso informato, ossia il diritto di ogni soggetto a essere informato sui rischi del trattamento propostogli, lungi dal ridurre la conflittualità ha inaugurato una nuova figura di responsabilità medica, quella appunto del difetto di consenso.
consenso informato v. art. 6 A. 1
danno biologico v. art. 5 A. 1 – 5 C. 1 – 5 C. 1, 1
danno esistenziale v. art. 5 C. 4 – 5 C. 4, 1 – 5 C. 4, 2



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 26/02/2017