La prova della colpa medica è indispensabile

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 31/08/2010

La prova della colpa medica. Indipendentemente dalla via scelta per il risarcimento, il danneggiato ha l'onere di provare il danno e la sua riconducibilità a inadempienze del professionista, mentre spetterà a quest’ultimo la prova liberatoria di aver agito secondo le norme del caso, con diligenza, prudenza e perizia.

 

La disciplina della responsabilità medica. Nel rapporto medico - paziente è necessario tenere conto del cosiddetto " contratto d’opera professionale ".
Anche al momento del ricovero di un paziente in una struttura ospedaliera si attiva un vero e proprio contratto di prestazione d’opera professionale medica.

 

La giurisprudenza italiana. Secondo la legislazione italiana, le prestazioni mediche sono obbligazioni "di mezzi" e non "di risultato".
Questo significa che il sanitario, assumendo l’incarico, si impegna a prestare la propria opera e le proprie capacità tecniche al “fine di raggiungere il risultato sperato, ma non si impegna a conseguirlo”. Quindi se il professionista dimostra di aver eseguito l'incarico con la diligenza specifica richiesta dalle sue particolari qualifiche professionali (es. la diligenza di un medico di media preparazione ed esperienza, dinanzi al medesimo caso) non sarà in genere considerato responsabile dell’infelice esito del suo intervento e la prova della colpa medica non potrà essere prodotta.

 

I casi particolari. Bisogna precisare che questa regola non vale per gli interventi di chirurgia estetica, compresi quelli per protesi odontoiatriche perché il paziente li richiede esclusivamente per ottenere un effettivo miglioramento estetico e/o funzionale, di solito concordato con il professionista. Quando tale risultato non si ottenga, sarà più facile configurare l’inadempimento del medico.

 

I problemi tecnici ardui. La professione sanitaria può implicare la risoluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà (ad esempio un caso particolarmente complesso o non ancora studiato a sufficienza). In questo caso prima di cercare la prova della colpa medica occorre tener presente che il medico gode, secondo il nostro ordinamento, di una limitazione di responsabilità, e risponderà quindi di eventuali imperizie del suo agire solamente se sussiste il dolo o la colpa grave (art. 2236 cod.civ.).

 

Il dolo nella colpa medica. Nel comportamento medico si intende per dolo la volontarietà dell’azione lesiva e si intendono colpa grave:
- gli errori non scusabili per la loro grossolanità;
- le ignoranze incompatibili con il grado di preparazione che una data professione richiede;
- gli esiti negativi che contraddicono con la solida reputazione del professionista;
- la temerarietà sperimentale e ogni altra imprudenza che dimostri superficialità e disinteresse per i beni primari che il cliente affida alle cure di un prestatore d’opera.

 

Il ruolo del Medico Legale. Per dimostrare l’esistenza di una colpa medica lieve o grave è essenziale il compito del Medico Legale come perito giudiziario o perito di parte.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 23/02/2017