Indietro

I vaccini antinfluenzali fanno risparmiare costi sanitari e assenza dal lavoro

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 22/01/2010

Sulla base dei riscontri epidemiologici riguardante la circolazione dei virus influenzali, i vaccini antinfluenzali utilizzati comprendono i ceppi di più recente isolamento e, quindi, di più probabile circolazione (di solito 2 del tipo A e 1 del tipo B).

 

I vaccini antinfluenzali. Esistono vaccini a virus intero, ma in età pediatrica si consigliano i vaccini subvirionici che provocano meno effetti collaterali locali (dolorosità e indurimento in sede d'iniezione) e sistemici (malessere, cefalea e febbre). La vaccinazione va effettuata ogni anno in autunno avanzato (dall'inizio di ottobre fino alla fine di novembre).

 

Fino ai 9 anni i vaccini antinfluenzali si somministrano 2 dosi nei soggetti vaccinati per la prima volta. Le raccomandazioni americane ma anche quelle del Ministero della Salute in Italia sono quelle di vaccinare tutti i soggetti con patologia cronica di età superiore ai 6 mesi allo scopo di prevenire le complicanze dell'influenza.

 

Nei soggetti sani di età compresa tra i 6 e i 23 mesi la vaccinazione è raccomandata ed è offerta gratuitamente e attivamente.

 

Tra i 2 e i 7-8 anni, cioè coloro che iniziano la scuola materna e frequentano i primi anni delle elementari, secondo i dati italiani sono soggetti a contrarre l’influenza. La tendenza attuale è quindi quella di allargare la vaccinazione anche ai bambini sani fino ai 7-8 anni.

 

I soggetti a rischio. Sono considerati gli anziani e coloro che soffrono di cardiopatie congenite, di patologie respiratorie croniche (inclusa l’asma) di patologia metabolica incluso il diabete con insufficienza renale ed epatica, di immunodeficienze congenite o acquisite. A queste categorie il Ministero ha aggiunto recentemente anche i prematuri e i nati di peso inferiore ai 2,5 chili.

 

I costi dell’influenza. I dati italiani dimostrano che il costo medico dell'influenza è molto elevato, non solo in termini diretti (numeri di ricoveri, di prescrizione di antibiotici e antipiretici) ma anche in senso indiretto in relazione al numero di giornate di lavoro perse per cause dirette e indirette.

 



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 25/02/2017