Indietro

Aborto provocato, IVG: chirurgico o farmacologico

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 29/06/2010

L’aborto provocato o IVG (Interruzione Volontaria della Gravidanza) interrompe lo sviluppo dell’embrione o del feto e lo rimuove dall’utero della gestante. Può essere strumentale o farmacologico.

 

Svuotamento strumentale. È il sistema più diffuso di aborto provocato. Si pratica sotto anestesia (5 minuti) svuotando l’utero con l’aspirazione dell’embrione (entro le prime 7 settimane) o del feto (dall’8^ settimana).

 

A seconda del periodo della gestazione sono usate metodologie diverse:

 

Isterosuzione. Entro le prime 7 settimane compiute. Consiste nell'aspirazione dell'embrione e dell’endometrio con una cannula introdotta nell’utero.

 

Dilatazione e revisione della cavità uterina (D&R). Dall'8^ alla 12^settimana la cervice viene dilatata per evacuare una maggiore quantità di frutti del concepimento per mezzo di una cannula di maggiore diametro. Si procede alla dilatazione, in anestesia parziale o generale, per mezzo di dilatatori meccanici oppure farmacologici.

 

Dilatazione e svuotamento (D&S). Per un aborto provocato oltre le 12 settimane di gestazione viene praticata la dilatazione del canale cervicale; vengono quindi rimossi, mediante aspirazione, il feto, il liquido amniotico, la placenta e i residui biologici.

 

Induzione farmacologica (RU 486). È il più recente metodo di aborto provocato. Determina il distacco del feto dall'utero chimicamente eliminando la necessità per la donna dell’intervento chirurgico. Viene somministrato un derivato steroideo sintetico, il mifepristone o RU 486, e una prostaglandina, il gemeprost. Il primo induce l'aborto fisiologico e il secondo provoca l'espulsione del feto e la pulizia dell'utero: si tratta quindi di un aborto farmacologico.

 

In Italia. Il 13 luglio 2009 l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha autorizzato la somministrazione della RU486 limitandone la prescrizione alle ASL e nell’aprile 2010 è iniziata la distribuzione negli ospedali. È in atto una forte polemica sull’ammissibilità di questo farmaco. Favorire l’aborto “privato” fa sorgere problemi etici rilevanti. Il Consiglio Superiore di Sanità ha ribadito l’obbligo di ricovero ospedaliero.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 26/02/2017