Indietro

Le impronte digitali sono confrontabili a livello mondiale

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 03/12/2009

Il numero minimo di punti d’identità utili per l'identificazione di una persona, attraverso le impronte digitali, è variabile: in Italia, in generale si ritengono necessari sedici dettagli corrispondenti, sebbene la Corte di Cassazione abbia sancito che sono sufficienti anche quattordici o quindici punti soltanto.

 

I punti d’identificazione. Le impronte digitali si presentano con figure note (a delta, monodelta, bidelta e composta) ed è quindi più facile identificarle.
Quelle palmari (dove non si hanno figure e fasci papillari classificati) per una loro identificazione certa hanno bisogno di un maggior numero di corrispondenze.

 

Come si confrontano. Si esamina preventivamente l'impronta rilevata sull'oggetto o nel luogo del reato e, dopo averla invertita fotograficamente si procede al confronto.

 

Un accurato esame delle impronte digitali può quindi contribuire a garantire alla giustizia il reo ma anche ad escludere la responsabilità di chi, occasionalmente, può aver avuto la disponibilità di un oggetto, oppure essere stato sulla scena del crimine.

 

Le impronte sul manico di un pugnale rinvenuto, ad esempio, conficcato nel corpo della vittima, possono rivelare chi, per ultimo, ha toccato l'arma. Inoltre un accurato esame della posizione delle impronte, eseguito in collaborazione con il medico legale, può stabilire il modo in cui la lama è stata introdotta nel corpo e, cioè, come l'arma è stata impugnata; ciò fornisce elementi importantissimi per la ricostruzione dell'episodio e per l'identificazione certa dell'omicida.

 

La banca dati delle impronte digitali ( A.F.I.S. ) L'Interpol e molte polizie nazionali, tra cui quella italiana, hanno a disposizione in tempo reale un’enorme e crescente quantità di impronte per comparazioni veloci e probanti.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 23/09/2017