Indietro

La traumatologia forense evidenzia le tipologie delle lesioni

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 03/12/2009

La traumatologia forense studia gli effetti sull’organismo; studia cioè le modificazioni anatomo-funzionali conseguenti all’azione violenta di mezzi fisici.

 

Le finalità della traumatologia forense riguardano l’ambito terapeutico ma hanno solo una funzione diagnostica. Sono infatti indirizzate a individuare particolari caratteristiche utili alla diagnosi.

 

Cosa diagnostica. La traumatologia forense individua:
• la consistenza vitale delle lesioni, distinguendo quindi tra azioni traumatiche esercitate su organismi viventi o su cadaveri o su persone agonizzanti
• i mezzi fisici responsabili dell'azione violenta
• le modalità con cui i mezzi fisici hanno agito
• gli effetti lesivi sull'organismo riconducibili all'azione dei mezzi eventualmente identificati, effetti che variano da una banale irritazione cutanea al decesso del soggetto traumatizzato.

 

L’azione violenta. La traumatologia forense ricostruisce a posteriori la dinamica dell'azione violenta deducendola a dagli effetti.

 

Metodo di osservazione. La traumatologia forense analizza:
• la sede delle lesioni, che secondo la loro posizione possono indicare particolari comportamenti come la difesa contro un’aggressione
• la morfologia delle lesioni in rapporto al mezzo usato e all’energia liberatasi nell'azione violenta
• le relazioni tra lesioni distinte tra loro e distanti l’una dall’altra.

 

Meccanismi lesivi. Sulla base delle caratteristiche del mezzo fisico e del meccanismo lesivo con cui agisce, si distinguono diverse tipologie di azione traumatica e, conseguentemente, diversi tipi di lesione.
Dal punto di vista clinico le lesioni traumatiche si presentano con quadri diversi, da quelli più banali rappresentati da contusioni e ferite di lieve entità, a quelli più gravi che interessano organi interni: endoperitoneali, endocranici, endotoracici.
Le conseguenze sono intuitive.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 23/02/2017