Le tecnopatie emergenti

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 30/08/2010

In tema di tecnopatie. L’evoluzione dei modelli produttivi e la valutazione della salute e del benessere sul lavoro impongono alle pubbliche amministrazioni (statali e regionali, centrali e periferiche) di allargare e integrare la prevenzione dei rischi da lavoro in grado di portare a pesanti tecnopatie.

 

Il “Testo Unico”. La suddetta impostazione è espressa dal Testo Unico della salute e sicurezza sul lavoro, nel quale si codifica un sistema di rapporti tra i soggetti e gli enti pubblici basato su una costante collaborazione.
Questo sistema prevede la discussione e la formulazione di indirizzi strategici comuni di prevenzione (articolo 5) e la condivisione delle informazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro (articolo 8).

 

Il quadro legislativo. Questo documento primario avvia in modo definitivo l’Italia verso una politica integrata degli interventi pubblici di prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro.
Viene inoltre riservata un’attenzione particolare alla prevenzione delle malattie professionali.

 

Il Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione (SINP). Questo strumento informativo si propone di migliorare la capacità di lettura del dato ma, soprattutto, la conoscenza della relazione tra le patologie rilevate e le attività lavorative. In questo nuovo contesto si inserisce il progetto, condiviso tra Ministero della Salute, Regioni e ISPESL (Istituto Superiore Prevenzione E Sicurezza sul Lavoro), denominato MALPROF, che contribuisce alla conoscenza delle malattie professionali ( tecnopatie ), e in particolare di quelle “emergenti”, fornendo elementi per indirizzare le politiche pubbliche di prevenzione. Il ruolo fondamentale, in materia di prevenzione delle malattie professionali è comunque da riservare all’INAIL.

 

Le strutture territoriali. Per creare una rete di prevenzione efficiente, è in corso un insieme di azioni che coinvolgono le strutture territoriali, con l’istituzione di tavoli di lavoro sulle tecnopatie creati con una logica multidisciplinare, in modo da tenere conto delle particolarità del fenomeno tecnopatico locale.
È infine importante la piena operatività dell’articolo 10 del D.Lgs. n. 38/2000 che consente il tempestivo aggiornamento e il conseguente allineamento all’evoluzione delle conoscenze scientifiche e delle tecnologie lavorative, delle tabelle delle malattie professionali (articoli 3 e 211 DPR n. 1124/1965).



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 22/09/2017