Malattie professionali da ambiente di lavoro

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 30/08/2010

Le malattie professionali, o tecnopatie, sono malattie contratte a seguito di una lavorazione rischiosa.
Le malattie professionali sono la risultante dell’azione nociva, lenta e protratta nel tempo, di un fattore di rischio (ad esempio, tipo di lavoro o materiali usati) presente nell'ambiente in cui si svolge l’attività lavorativa.

 

Le conseguenze. Gli effetti diretti del lavoro pericoloso sono le malattie professionali, o tecnopatie, nelle quali la patologia insorge solo a causa di una prolungata esposizione, le cui lesioni all’integrità fisica si rilevano solo a distanza di tempo e una volta subite restano invariate per tutta la vita.

 

Gli esempi di tecnopatie. Gli esempi tradizionali sono il ginocchio della lavandaia, o la silicosi dei lavoratori dell’alabastro, o l’impotenza dei martellatori pneumatici, o i tumori dei radiologi, tanto per evidenziare i casi più gravi.

 

Le caratteristiche peculiari. Queste patologie sono spesso latenti e si manifestano lentamente e quindi, essendo subdole, sono spesso sottovalutate pur essendo pericolose.
Le malattie professionali, contratte a causa dei lavori svolti, e non a seguito di un evento specifico come un infortunio, compromettono progressivamente la salute del lavoratore.
La crescente conoscenza del fenomeno è alla base dell’aumento delle rilevazioni, come evidenziano i dati delle denunce giunte all’Inail.

 

L’aumento delle denunce è verosimilmente da ricondurre a una progressiva e positiva emersione del fenomeno delle tecnopatie.
Queste infatti soffrono di una storica sottovalutazione, dovuta in particolare a lunghi periodi di dimenticanza, alle difficoltà di rilievo e accertamento del collegamento tra causa ed effetto e anche per un diffuso fenomeno di “sottodenuncia” da parte dei lavoratori-vittime.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 23/09/2017