Indietro

L'omicidio e le sue cause violente

clicca per votare







Scritto da

Scripta Firenze Agenzia di comunicazione


Pubblicato il 16/09/2015

Modificato il 03/12/2009

In caso di omicidio la medicina forense non può prescindere dal seguire il metodo medico-legale fondato sul rigorismo obiettivo e sul rapporto di causalità.

 

Le cause violente dell’omicidio sono approfondite dal medico legale che le distingue innanzi tutto da quelle relative a suicidio, disgrazia accidentale, infortunio sul lavoro o causato dal traffico, eventi naturali o incendi, autolesionismo.

 

Ferita d’arma da fuoco. La lesione può essere trapassante (il proiettile fuoriesce), avere un fondo cieco (il proiettile rimane imprigionato nei tessuti), essere a semicanale (il proiettale ha urtato di striscio la superficie cutanea).
La ferita cutanea è un foro “a stampo” con margini sfrangiati, di diametro inferiore al proiettile per la retrazione elastica della pelle.
Il proiettile trapassando la cute si deterge di tutte le sostanze raccolte nella canna e produce un “orletto” di detersione, concentrico alla ferita.
Il foro d’uscita ha generalmente l’aspetto di una ferita lacero-contusa.

 

Ferite da punta e taglio. Sono sinonimo di coltellate la cui ferita ha la forma di triangolo isoscele, con la base in relazione al dorso della lama ed il vertice corrispondente al filo.
La profondità della ferita è decisiva perché spesso penetra nel torace o nell’addome. L’emorragia è sia esterna sia interna.
Una forma particolare di ferita è rappresentata dallo “scannamento”, che interessa gli organi del collo.

 

La diagnosi differenziale della medicina forense tra ferite da omicidio e ferite da suicidio è delicata.
I dati significativi sono rappresentati dal numero, dalla profondità, dalla sede delle ferite, da cui dedurre sia la forma dell’arma sia l’univoca volontà omicida dell’autore.



Fonti:

- Enciclopedia Giuridica - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani - Ed. 2009 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina Italiana - UTET - Ed. 2004 - Ideatore coordinatore scientifico Prof. Luciano Vella
- Nuova Enciclopedia Medica - Edizioni Garzanti Libri - Ed. 1987 - AA.VV.
- Trattato di Medicina Legale e Scienze Affini - Editore CEDAM - Ed. 2009 - Autori: Giusti Giusto





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 25/02/2017