Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Una parte del nostro cervello ama il Natale

Indietro

Una parte del nostro cervello ama il Natale

Spirito di Natale
Spirito di Natale - iStockphoto.com






vota


È noto che il numero di Natale del British Medical Journal riporta l’esito di studi spiritosi, al limite del bizzarro. Quest’anno la regola è confermata da una ricerca realizzata da un gruppo di neurologi, fisiologi e neuroradiologi dell’Università di Copenaghen guidato dal neurologo Anders Haugaard della Faculty of Health and Medical Sciences di Copenhagen, e che ha analizzato le reazioni cerebrali alla vista di immagini tipicamente natalizie.

 

I ricercatori si sono chiesti se esiste un’area del cervello che ama e riconosce il Natale, e per scoprirlo hanno selezionato venti volontari divisi in due gruppi: dieci persone danesi abituate a festeggiare il Natale, e altre dieci persone provenienti da Turchia, India, Pakistan e Iraq che non festeggiano il Natale. Tutti sono stati sottoposti a risonanza magnetica mentre guardavano una sequenza di immagini tra cui anche alcune a tema natalizio.

 

Alla vista delle fotografie di Natale, i volontari abituati a festeggiarlo hanno reagito con un’intensa attività cerebrale, in particolare da parte di un gruppo di neuroni che comprende la corteccia sensorimotoria, la corteccia premotoria e la corteccia motoria primaria, il lobulo parietale inferiore e quello superiore.

 

Cosa prova questa evidenza scientifica? Lo spiega il neurologo Anders Haugaard: “I lobuli parietali destro e sinistro giocano un ruolo determinante nella trascendenza del sé, un tratto di personalità che riguarda la predisposizione alla spiritualità. Inoltre, la corteccia premotoria frontale è importante nell’esperire emozioni condivise con altri individui, stimolando un’azione di specchio o di imitazione dello stato fisico altrui; i neuroni specchio corticali premotori rispondono anche all’osservazione di azioni di deglutizione”.

 

L’azione dei neuroni specchio potrebbe spiegare anche perché, alla vista delle immagini natalizie, si sono illuminate le stesse aree cerebrali anche in persone di nazionalità non danese e religione non cristiana ma abituate a vivere indirettamente il Natale attraverso amici e colleghi cristiani.

 

È di certo una ricerca leggera e scherzosa, lo sanno bene i ricercatori dell’Università di Copenaghen che hanno messo a tacere e prevenuto le inevitabili critiche dei colleghi psicologi e neurologi. Così ora sappiamo che, accanto a chi soffre lo stress del Natale, c’è chi lo ama: ne abbiamo le prove.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Psicologia
Forum Psichiatria



Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/09/2021 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.