Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Calli e duroni: prevenire e curare le ipercheratosi del piede

Indietro

Calli e duroni: prevenire e curare le ipercheratosi del piede








vota


I calli e i duroni sono una forma di ipercheratosi, cioè un ispessimento della pelle per proteggere le dita e la pianta del piede da situazioni di disagio. Si tratta di un sistema di autodifesa del corpo che si manifesta quando calziamo scarpe troppo strette e scomode, oppure quando la pelle sfrega per troppo tempo contro la scarpa perché non indossiamo le calze.

Oltre a motivi di stile, ci sono alcuni fattori di rischio che facilitano la formazione delle ipercheratosi, come la borsite dell’alluce, le dita a martello e altre malformazioni dei piedi.
Se la comparsa di calli e duroni dipende dalle cattive abitudini, basta evitarli adottando poche accortezze: usare  calzini, scarpe e plantari comodi. Così facendo i calli e i duroni scompaiono da soli.

Se invece le ipercheratosi del piede ci tormentano troppo a lungo, bisogna indagare più a fondo. In caso di diabete o disfunzioni della circolazione, i disturbi al piede sono un segnale da non sottovalutare, mentre una visita podologica è indispensabile per evidenziare l’eventuale presenza di qualche patologia del piede.

Il medico indica la terapia da seguire in base all’anomalia – più o meno grave – riscontrata durante il controllo.
Per avere maggiori informazioni su calli, duroni e patologie del piede, leggi gli articoli dell’Associazione Italiana Podologi.
_________________________________________________
Chiedi un consulto ai medici di ABCsalute

Dott. Luca Rizzi
Dott. Simone Nardo
Dott. Marco Piacentini


2 commenti

  1. abramo ha detto:

    Buonasera Dottori, ho un grossissimo problema con la mia compagna.
    La mia compagna è disabile da 14 anni ormai, colpita in maniera molto grave dalla sindrome di Guillien Barrè, dopo tante terapie a suon di denaro e della gran voglia di risollevarsi, i risultati sono quelli che lei qualche passo riesce a fare giusto per arrivare in bagno e usando la carozzina. Nell’arco degli ultimi 7 anni, piano piano si sono formate le ipercheratosi, che a febbraio di quest’anno l’hanno portata a non camminarci sopra dal gran dolore. Ha deciso di farsi operare, quindi da febbraio 2014 arrivare ad oggi a novembre 2014, non hanno risolto assolutamente niente, ha subito 6 INTERVENTI perchè si riformavano questi calli maledetti. Ci hanno detto che sono tumori benigni dei piedi.
    Volevamo sapere da voi se si può guarire da questi calli, se c’è una cura o se per forza esiste solo l’intervento. Perchè lei sarebbe anche stanca di subire, anche perchè per smaltire le 6 anestesie ci vuole un bel pò.
    Aspettiamo con ansia vostre notizie positive o negative.
    DISTINTI SALUTI.

    • Il Blog di ABCsalute.it ha detto:

      Gent.mo Abramo,
      per avere una risposta competente, professionale e mirata alla sua richiesta, le consiglio di rivolgersi ai nostri medici presenti nel forum di dermatologia Loro sapranno darle il supporto e le risposte necessarie per essere d’aiuto alla sua compagna.
      Ci scriva se ha bisogno di altre informazioni, e grazie.


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2018 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/09/2018