Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Il germe della tubercolosi potrebbe annidarsi nel guano degli stormi

Indietro

Il germe della tubercolosi potrebbe annidarsi nel guano degli stormi

Stormo di uccelli
Stormo di uccelli - iStockphoto.com






vota


Il nuovo anno è cominciato con una notizia apparentemente fantasiosa ma che di incredibile ha solo la portata: i cieli delle città italiane, e di Roma in particolare, sono attraversati da stormi di uccelli responsabili di aver ricoperto di guano le strade della capitale.

Il problema, oltre che d’immagine e d’igiene, è anche sanitario, perché nel guano degli stormi potrebbe annidarsi il Mycobacterium tubercolosis avio, il germe responsabile della tubercolosi (tbc).

 

Cos’è la tubercolosi? È una malattia infettiva che colpisce soprattutto i polmoni ma anche altri organi, ed è causata da diversi ceppi di micobatteri come il Mycobacterium tubercolosis avio. Si trasmette per via aerea venendo in contatto con micro goccioline di saliva disperse nell’aria attraverso tosse secca o starnuti di chi ha la tubercolosi, oppure respirando l’aria intrisa dei micobatteri. Potrebbe essere questo il nostro caso: a Roma soprattutto, ma anche in altre città italiane, la quantità di guano è così elevata che nell’aria potrebbe disperdersi un’altissima concentrazione di Mycobacterium tubercolosis avio. Nelle feci degli uccelli il micobatterio è protetto da una sorta di involucro cerato che lo rende molto resistente e attivo per mesi; quando il guano si secca, si polverizza facilitando l’inalazione del germe responsabile della tubercolosi.

 

Quali sono i sintomi e come si manifesta? Quando colpisce i polmoni, la malattia all’inizio è asintomatica, in un secondo momento si manifesta con tosse insistente, perdita di peso, sangue nell’espettorato. Spesso la tubercolosi resta latente nell’uomo, e se non si interviene in tempi rapidi potrebbe diventare tanto pericolosa da uccidere la metà delle persone infettate.

 

g>Quali sono diagnosi e cura della tubercolosi? Per la diagnosi si ricorre al test di Mantoux che si si esegue inoculando nella cute del braccio una sostanza chiamata tubercolina, estratti totali o parziali di bacilli tubercolari, che permette di analizzare la reattività dell’individuo ad una eventuale infezione della tubercolosi. Se la malattia è attestata, si ricorre una terapia antibiotica definita dal proprio medico.

 

La soluzione più immediata contro il rischio di tubercolosi è mantenere le strade pulite e, se possibile, limitare il sempre più intenso passaggio di stormi numerosi.

Maggiori approfondimenti nella sezione patologie nell’Atlante Anatomico di ABCsalute.it.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2022 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/09/2022 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.