Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Vacanza col bebè: come proteggere i neonati al mare

Indietro

Vacanza col bebè: come proteggere i neonati al mare

Neonato al mare
Neonato al mare - iStockphoto.com






vota


Articolo aggiornato il 22 giugno 2017

 

È possibile portare i neonati al mare? Certo, con qualche accortezza da parte dei genitori.

 

Nuoto per neonati

I neonati sono abituati all’acqua: per nove mesi è stato il loro habitat naturale e, una volta fuori dal grembo materno, tocca ai genitori non far perdere ai neonati la famigliarità con l’acqua.

 

Oltre al bagnetto, si possono seguire alcune lezioni di nuoto neonatale in piscine adeguate per il bagno di genitori e figli. In questo ambiente si sperimenta la confidenza del bambino con l’acqua, si prova l’immersione totale o parziale e ci si diverte a schizzarsi a vicenda.

 

Stare con i neonati al mare è impegnativo ma è necessario costruire una routine di divertimento per consentire ai bambini di imparare giocando.

 

Neonati al mare: cosa evitare

La prima regola da seguire è la più risaputa: esporsi entro le 9.00/9.30 e dopo le 18.00, sempre protetti da una crema solare ad alto fattore protettivo, per evitare che la pelle delicatissima del neonato possa avere reazioni al sole come rossore, dermatite o colpi di calore.

 

Neonati al mare: come iniziare

Battere i piedini e le manine a riva è un gesto famigliare che ricorda i giochi fatti durante il bagnetto a casa, e ripeterlo in spiaggia aiuta il neonato a sentirsi sicuro. Se reagisce con divertimento e serenità, si può passare allo step successivo: un bagnetto al mare. In questo caso il bambino sperimenta qualcosa di sconosciuto e guardare negli occhi la mamma o il papà è il modo corretto per infondergli sicurezza.

 

Neonati al mare: consigli utili

La percezione della temperatura dell’acqua cambia dall’adulto al bambino. Per il neonato il mare è freddo: bagnare delicatamente il suo corpo, un po’ alla volta, facilita la successiva immersione senza traumi. Per le prime esperienze, si consiglia di stare in acqua circa 20 minuti per poi aumentare il tempo all’aumentare dell’età.

 

Superati i sei mesi e verso l’anno di età, se il bambino si avvicina volentieri al mare si può sperimentare il bagno con il salvagente per fargli prendere confidenza con i movimenti del corpo in acqua, e più tardi con i braccioli che, a differenza del salvagente, impediscono al bambino di nuotare tenendo il corpo disteso in acqua.

 

Neonati al mare: come evitare le infezioni

Per evitare infezioni e arrossamenti dovuti al mare, tornati in spiaggia è bene sciacquare il bambino con acqua dolce, se svezzato fargli bere acqua fresca per contrastare il rischio di disidratazione frequente in spiaggia e con l’acqua salata, e riapplicare la crema ad alta protezione solare. La giornata al mare può proseguire con giochi sul bagnasciuga sempre sotto l’attenta vigilanza di mamma e papà.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/11/2019 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.