Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Perché si soffre di emorroidi e stitichezza dopo le festività?

Indietro

Perché si soffre di emorroidi e stitichezza dopo le festività?

Emorroidi e stitichezza
Emorroidi e stitichezza dopo le festività - www.verdeazzurronotizie.it






vota


La patologia emorroidaria colpisce circa il 40% degli italiani e ciascuno di noi ne sperimenta il disagio almeno una volta nella vita. Specie dopo le festività.

Siamo reduci dai lunghi banchetti della cena e del pranzo di Natale, del cenone di Capodanno e dei tanti fuori pasto consumati in compagnia di amici e parenti. Insieme agli agognati pacchi regalo, le feste natalizie hanno donato a molti di noi anche lo spiacevole disturbo delle emorroidi: perché?

 

L’effetto dell’alimentazione sulle emorroidi

L’emorroide è la struttura vascolare del canale anale che controlla il passaggio delle feci ed è dunque sempre presente anche quando non avvertiamo fastidio; la patologia emorroidaria, invece, è l’infiammazione della struttura e si manifesta con noti sintomi:

 

  • Bruciore.
  • Sanguinamento, ma non sempre presente.
  • Prurito.
  • Dolore più o meno intenso.

 

Lo stile di vita influisce sulla dilatazione eccessiva delle vene emorroidali, ma molto dipende anche dal cibo. L’eccessivo consumo di peperoncino, fritture, spezie, insaccati, cioccolato, alcol, dolci lievitanti – come panettone e pandoro – favoriscono l’irritazione emorroidale. E alzi la mano chi, nelle scorse settimane, non ha concentrato in poco tempo l’ingestione di tutti questi alimenti. Ecco spiegato perché si soffre di emorroidi di più dopo le feste.

 

Emorroidi e stitichezza

In linea di massima, dall’8 dicembre al 6 gennaio si tende a diminuire l’apporto di frutta, verdura e cereali integrali a vantaggio di cibi meno salutari. La conseguenza è dover convivere con la stitichezza, cioè l’impossibilità di defecare che, a sua volta, causa la patologia delle emorroidi perché le feci premono sui cuscinetti artero-venosi.

 

Rimedi naturali contro emorroidi e stitichezza

Niente paura, ci sono due modi per porre fine alla sofferenza:

  1. Fare un po’ di attività fisica tutti i giorni, anche mezz’ora di camminata aiuta a tenere attivo il tratto intestinale e a contrastare la sedentarietà.
  2. Disintossicare l’organismo e mangiare alimenti sani.

 

Via libera a frutta e verdura di stagione, specie a foglia larga, legumi decorticati, semi di lino, cereali integrali come riso e orzo e, soprattutto, ricordare di bere almeno 2 litri di acqua al giorno per garantire il giusto grado d’idratazione al corpo e favorire il transito intestinale.

 

Se il ritorno alle sane abitudini non basta a risolvere il problema, è il caso di rivolgersi al proprio medico curante per indagare le altre possibili cause di emorroidi e stitichezza e ricorrere, se necessario, a farmaci specifici.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 15/12/2019 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.