Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Virus HIV regredisce dopo 12 anni senza cure: il caso francese che desta entusiasmo, ma attenzione alle false speranze

Indietro

Virus HIV regredisce dopo 12 anni senza cure: il caso francese che desta entusiasmo, ma attenzione alle false speranze

Virus HIV retrocede
Virus HIV retrocede - iStockPhoto.com






vota


Una ragazza francese di 18 anni, sieropositiva dalla nascita, a 3 mesi ha iniziato le cure con farmaci antiretrovirali sospese a 6 anni per volontà della famiglia: oggi, a 12 anni di distanza, il virus HIV è regredito tanto da non essere rilevato dalle analisi.
 
Si tratta del primo caso al mondo di una regressione del virus dopo una sospensione terapeutica lunga 12 anni, ma attenzione: regressione non significa né scomparsa dell’HIV né tantomeno guarigione. A sottolineare questa differenza sono i medici dell’Institute Pasteur di Parigi dove la ragazza è stata in cura. Non è il primo caso al mondo di regressione del virus, ma il primo caso al mondo di una regressione così lunga a 12 anni di distanza dalla sospensione delle cure.
 
Diffondere la notizia dell’arretramento dell’HIV parlando di guarigione dall’Aids amplifica il rischio che giovani e adulti malati sospendano le cure: il monito è di non prendere iniziative e continuare la terapia farmacologica seguiti dal proprio medico infettivologo.
 
La storia della ragazza francese è eccezionale per il tempo di recessione del virus, ma non è la prima volta che l’HIV si arresta: è successo in America con il caso “Mississipi baby” e in Italia all’ospedale Sacco di Milano. Nel primo caso il virus è rimasto silente 2 anni e mezzo, e nel secondo caso per 3 anni, poi però ha ripreso a replicarsi.
La sfida dei ricercatori è capire cosa c’è di diverso nell’organismo della ragazza francese, quali sono i fattori che hanno determinato una recessione così prolungata.
 
Inoltre, di fronte a facili entusiasmi, i medici rispondono con molta cautela: è una situazione eccezionale, di certo positiva perché apre la strada a nuove possibilità di ricerca e controllo del virus, e perché sottolinea quanto sia importante intervenire il prima possibile con una terapia di farmaci antiretrovirali. Ma è vero anche che non si sa perché sia successo, quindi non è possibile prevedere come si evolveranno le condizioni della ragazza francese che, a 18 anni, è diventata un appiglio di speranza per tutte le persone che convivono con l’HIV.

Fonte e approfondimenti: emergeilfuturo.it, corrieresalute.it


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2022 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 30/09/2022 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.