Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
martino.calabrese
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 2
I medici mi hanno suggerito di rivolgermi al neurochirurgo per intervenire su ernie discali per la diagnosi RMN che riporterò in seguito a causa di dolore lombosciatico.
Per parte mia, considerando una remota possibilità di errore preferisco procrastinare l'intervento ad un tempo in cui gli episodi di dolore e invalidità saranno più frequenti. Adesso ho 56 anni di età. Mi hanno suggerito però di non aspettare a lungo per una mera possibilità che le vertebre si saldino.
Non è forse che praticando una ginnastica leggera del tipo piegamenti e torsioni nonchè stretching le possibili saldature delle vertebre vengano evitate?
Considerato l'esame RMN che segue vorrei sapere se veramente mi conviene sottopormi a intervento solerte di asportazione delle ernie.
L'esame menzionato è in allegato.
Grazie infinite.


Allegati:
IMG_20191013_204219.jpg
[ 1.47 MiB | Osservato 309 volte ]
Inviato: 13/10/2019, 22:59
 
de divitiis
Esperto di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 96
Gentile Utente,
dal referto si evince che lei ha due ernie di cui una molto grande ed espulsa in un quadro di artrosi con degenerazione gassosa del disco intervertebrale.
l'intervento chirurgico generalmente è indicato in quei casi in cui è presente un deficit neurologico oppure dove il dolore è costante e non risponde a nessuna terapia medica.
il discorso della fusione al contrario magari avvenisse spontaneamente da sola. spesso i dolori lombari passano a fusione avvenuta. uno degli interventi che si eseguo in questi casi in cui sono presenti più ernie, stenosi del canale e degenerazione del disco mirano proprio all'ottenimento della fusione con il posizionamento di "gabbiette" intervertebrali e successiva stabilizzazione con viti peduncolari.
cordialità
OdD
Inviato: 14/10/2019, 8:19

_________________
Prof. Dr Oreste de Divitiis
    80131 NAPOLI (Napoli)
    Via Sergio Pansini
    0817462572
    oreste.dedivitiis@unina.it
 
martino.calabrese
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 2
La ringrazio infinitamente.
Cercherò di affrontare al meglio la mia situazione patologica.
Al momento gli episodi di dolore non sono troppo frequenti e non durano poi a lungo, inoltre rispondono ancora ad una terapia farmacologica con antidolorifico antinfiammatorio, purtroppo stereoideo.
Per parte mia rispondo alle sue cordialità, altrettanto, grazie.
Inviato: 15/10/2019, 8:49
 
3 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

ARTROSI PRIMARIA

L'artrosi primaria, che non riconosce una vera e propria causa, spesso è diffusa a più...

Artrosi cervicale: degenerazione delle cartilagini e delle articolazioni del rachide cervicale Artrosi cervicale: degenerazione delle cartilagini e delle articolazioni del rachide cervicale

L'artrosi cervicale o cervicoartrosi è una degenerazione patologica e progressiva della regio...

ARTROSI O OSTEOARTROSI

L’artrosi, chiamata anche osteoartrosi, è una malattia cronica degenerativa e progressi...

ARTROSI METATARSO FALANGEA

Si parla di artrosi metatarso quando le articolazioni più frequentemente colpite interessano ...



TROVA LO SPECIALISTA



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.