Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
Nicoletta
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 3
Salve, può svilupparsi un melanoma maligno nell’occhio? Quali sono i sintomi?
 
Centro oculistico S.r.l.
TL146
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 26
Si, e' possibile la formazione di un melanoma nell'occhio. Si tratta del melanoma della coroide che si sviluppa dalla parte sottostante la retina e poi si estende anche a questo tessuto.
Come tutti i tumori pigmentati il melanoma può svilupparsi da un normale nevo, come succede nella pelle.
I sintomi sono correlati solo ed esclusivamente alla localizzazione del tumore nella zona centrale della retina ( regione maculare) e possono essere : distorsione delle immagini, calo visivo, offuscamento.
Di solito la diagnosi viene fatta durante la visita specialistica con l'attenta osservazione del fondo oculare e con il rilevamento di una regione pigmentata e rilevata.
Per fortuna anche in presenza di un melanoma le possibilità terapeutiche, negli ultimi anni, sono notevolemente migliorate anche se, come tutti i tumori, la migliore cosa è la diagnosi precoce e l'inizio precoce della terapia che in questo caso può essere il trattamento con placche radioattive, con protoni o nei casi peggiori la resezione chirurgica della lesione.
Mi permetto di suggerire che i sintomi che ho descritto sono sintomi molto generali che possono essere legati a tante altre patologie oculari e pertanto La consiglio di fare una visita specialistica accurata per verificare l'esistenza o meno di una lesione pigmentata al fondo oculare.

Dott.Stefano Esente
Centro Oculistico Firenze
via Fossombroni 2/a
50136 Firenze
tel 055-2344569
stefanoesente@centrooculisticofirenze.it
www.centrooculisticofirenze.it
 
Losciale
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 5
Esistono melanomi che colpiscono la coroide che nelle fasi precoci possono essere totalmente asintomatici vengono diagnosticati durante una normale visita di routine con esame del fondo oculare.
In altri casi possono dare alterazioni del visus e del campo visivo.
 
SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 172
Carissimo,
certo che può purtroppo svilupparsi!!
I melanomi oculari (congiuntivali ed uveali) sono tumori molto rari, caratterizzati da una prognosi spesso grave. I melanomi uveali sono spesso asintomatici e determinano disturbi aspecifici dell’acuità visiva solo quando raggiungono dimensioni ragguardevoli o interessano l’area maculare. La miglior forma di prevenzione e diagnosi precoce appare quindi il controllo annuale oftalmologico del fondo oculare. Il coinvolgimento dell’occhio, organo di piccole dimensioni ma con funzioni importantissime, impone poi la gestione del paziente presso centri di alta specializzazione.
Melanoma Congiuntivale:
I tumori maligni congiuntivali sono rappresentati dai carcinomi a cellule squamose e sebaceo, dal melanoma, dai tumori linfoidi, dal sarcoma di Kaposi. Tra questi, il melanoma, che origina dai melanociti congiuntivali, è estremamente raro (meno del 2% di tutti i tumori maligni oculari), con una incidenza compresa tra 0.024 e 0.052 nuovi casi ogni 100.000 abitanti, pari a circa 1/40 di quella dei melanomi uveali. La patogenesi di questo tumore è stata sempre fonte di controversie; attualmente si considera che esso origini nel 75% dei casi da una melanosi acquisita primitiva (MAP), mentre nel restante 25% da un nevo congiuntivale pre-esistente o de novo.
La diagnosi differenziale tra melanoma congiuntivale ed altre lesioni pigmentate benigne (nevo, melanosi, melanocitosi) o pre-cancerose (melanosi acquisita primitiva) si basa essenzialmente su storia clinica, morfologia della lesione e reperto bioptico.
Il paziente affetto da melanoma congiuntivale deve essere sottoposto, prima del trattamento locale, ad indagini diagnostiche per escludere la presenza di metastasi. Queste possono interessare, per diffusione linfatica, i linfonodi cervicali, sottomandibolari, preauricolari e addominali, nonché il tessuto sottocutaneo periorbitario, e, per via ematica, il fegato, lo scheletro, la parotide ed il sistema nervoso centrale.
L’approccio terapeutico è guidato dalle dimensioni e dalla localizzazione del melanoma. Nei melanomi di piccole dimensioni localizzati in sedi favorevoli (congiuntiva bulbare e perilimbare) è sufficiente una ampia resezione chirurgica. Nei casi situati in sedi sfavorevoli (congiuntiva palpebrale, fornice, caruncola e margine palpebrale) o di grandi dimensioni, l’exenteratio orbitae, tecnica chirurgica radicale in cui si rimuove tutto il contenuto orbitario con conseguente cecità e deturpazione del volto, era considerata l’unico trattamento proponibile.
Un recente studio retrospettivo ha tuttavia dimostrato che la sopravvivenza dei pazienti sottoposti ad exenteratio orbitae non era migliore di quelli trattati con exeresi chirurgica locale, suggerendo di limitare l’impiego della chirurgia radicale ai soli casi che infiltrano l’orbita. Attualmente nei melanomi a localizzazione sfavorevole si preferisce quindi eseguire un’asportazione chirurgica totale della lesione con ampio margine di sicurezza ed associare la crioterapia o la radioterapia.
Il melanoma Uveale
Il melanoma uveale, che origina dai melanociti uveali della cresta neurale, è il tumore maligno intraoculare più frequente dell’età adulta; esso tende a crescere sia all'interno del bulbo, invadendo e disorganizzando i tessuti intraoculari, sia all'esterno, infiltrando la sclera ed i tessuti orbitari. Il melanoma uveale metastatizza a distanza unicamente per via ematogena data l'assenza di vasi linfatici a livello bulbare.
La diagnosi di melanoma coroideale è essenzialmente clinica. La diagnosi differenziale con le altre lesioni pigmentate uveali (nevo, melanocitoma, ipertrofia dell’epitelio pigmentato retinico, emorragia coroideale, neovascolarizzazione, eccetera) si basa sulla valutazione oftalmoscopica da parte di un oftalmologo esperto. Come esami accessori possono essere utilizzati l’angiografia a fluorescenza e/o con verde indocianina e l’ecografia oculare A/B scan.
Le diagnosi differenziali più impegnative riguardano i tumori amelanotici (nevi, emangiomi, metastasi, osteomi) e quei casi in cui non è possibile visualizzare la lesione a causa dei mezzi diottrici non trasparenti (lecomi corneali, cataratta, emovitreo, distacco di retina). In tutti questi casi è raccomandabile l’uso di metodiche sofisticate quali tomografia computerizzata, risonanza magnetica nucleare, radioimmuno-scintigrafia o tomografia ad emissione di positroni. La storia naturale della malattia, documentata in qualche caso dalla letteratura, è invariabilmente caratterizzata dallo sviluppo di metastasi a distanza.
Le sedi preferenziali sono il fegato (92% dei casi), il polmone (31%), lo scheletro (23%), la cute (17%) ed il sistema nervoso centrale (4%). Il tempo di comparsa dei secondarismi è estremamente variabile (da 2 mesi a 30 anni); solitamente la loro comparsa porta al decesso entro un anno.
Prognosi
La classificazione citologica del melanoma uveale è un importante fattore prognostico. Sono stati identificati tre tipi di cellule: cellule fusate A, cellule fusate B, cellule epitelioidi. Sulla base di questa suddivisione Callender classificò i melanomi in 6 gruppi, con prognosi differente: a cellule fusate A e B, fascicolari, misti, necrotici ed a cellule epitelioidi.

Un caro saluto
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
 
4 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Esaminiamo la pelle controllando periodicamente i nei Esaminiamo la pelle controllando periodicamente i nei

I nei o nevi sono delle malformazioni della cute, che possono essere di varie origini. I nei melanoc...

Il melanoma può essere collegabile all’esposizione al sole

Le cause del melanoma. Il melanoma è un tumore maligno della pelle la cui origine può ...

Il melanoma può essere collegabile all’esposizione al sole

Le cause del melanoma. Il melanoma è un tumore maligno della pelle la cui origine può ...

Scoperto il meccanismo per arrestare la crescita dei melanomi Scoperto il meccanismo per arrestare la crescita dei melanomi

Uno studio italiano ha scoperto il meccanismo grazie al quale il melanoma riesce ad eludere il siste...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Massimo Mammone

L'Oculista a Follonica Dr Massimo Mammone ha come attività principale la ...

Dr Francesco Famà

L'Oculista a Riposto Dott. Francesco Famà medico chirurgo e oftalmologo, ...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.