Indietro

Le acque termali salsobromoiodiche sono di origine marina

clicca per votare







Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 02/12/2011

Modificato il 02/12/2011

Le acque salsobromoiodiche sono dette anche "paleomarine", perché captate in profondità

da depositi residui di mari di superficie di ere geologiche remote sprofondati per l'effetto di bradisismi. La loro presenza è in prevalenza nei pressi della dorsale appenninica e lungo le coste. Queste acque sono concentrate e scaturiscono a temperature diverse.

In alcune zone questi depositi hanno dato origine ai limani ovvero fanghi naturali di salina utilizzati nelle terapie termali. 

 

Contenuti delle acque salsobromoiodiche. Queste acque sono costituite soprattutto da cloruro di sodio, iodio e bromo: questi ultimi si presentano sotto forma di ioduri e bromuri.

Sono spesso presenti anche altre sostanze terapeuticamente importanti quali calcio, magnesio, solfati, bicarbonati e solfuri. Queste acque alla fonte possono essere radioattive e la concentrazione ionica delle sostanze contenute è estremamente variata.

Per la loro frequente elevata concentrazione può essere necessario diluirle per utilizzarle con particolari metodi terapeutici (es. inalazione). 

 

L'azione antinfiammatoria. Le acque termali salsobromoiodiche utilizzate alla fonte hanno principalmente un effetto antinfiammatorio.

Questo si rileva nei diversi settori dell'organismo secondo il metodo adottato (es. bibita, inalazione ecc.). 

 

La stimolazione del sistema immunitario. Le acque termali salsobromoiodiche stimolano il sistema reticolo endoteliale e la produzione di immunoglobuline secretorie e circo­lanti.

Questa azione si manifesta anche nelle tendenze (diatesi) essudativo - catarrali dove gran parte della pato­genesi è attribuibile alla insufficiente risposta dei meccanismi organici. 

 

La cura della ritenzione idrica. La capacità dell'acqua di creare motilità muscolare genera una corrente di fluidi che emergono dagli strati profondi della mucosa verso l'esterno del corpo eliminando microrganismi, inquinanti, ecc. ma anche i prodotti della flogosi, cataboliti ed enzimi. 

 

L'azione ginecologica. L'azione più rilevante di queste acque è sicuramente la stimolazione a livello dell'apparato genitale femminile.

Questa proprietà terapeutica suggerisce la terapia termale salsobromoiodi­ca in particolare nelle patologie di pertinenza ostetrico-ginecologica.

Sono infatti verificabili: l'aumento della sintesi di gonadotropine, la stimolazione alla maturazione dei follicoli ova­rici, l'aumento della contrattilità tubarica e la regola­rizzazione del ciclo mestruale.



Fonti:

Elementi di idrologia medica per il corso di idrologia e climatologia medica - Roberto Gualtierotti - Edizioni Libreria dello Studente, Milano, 1974

Manuale di medicina termale - Agostini, G - Archimedica Editori, Torino, 2000





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2017
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 26/02/2017