Indietro

Vapori termali: vera e propria sauna naturale

clicca per votare







Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 07/12/2011

Modificato il 07/12/2011

I vapori termali caldi umidi o caldi secchi sono presenti solo in alcune località che possono offrire grotte naturali di origine vulcanica, così classificate:

- grotte naturali caldo - umide, collegate con sorgenti termali, sono sature di vapori termali terapeutici diversi a seconda delle caratteristiche delle diverse acque termali;

- grotte naturali caldo - secche (stufe) che per il minimo livello di umidità consentono di praticare terapie a temperature elevate (50-70°C), giovandosi anche di sostanze benefiche sospese nell'aria e dell'assenza di batteri.

In entrambi questi tipi di ambienti naturali si possono seguire cure termali particolarmente efficaci. 

 

Le indicazioni terapeutiche. Questi vapori termali, caldi umidi o caldi secchi, sono specialmente raccomandati a chi soffre di malattie respiratorie come la bronchite cronica, le sinusiti e le riniti. Importanti gli effetti largamente positivi anche a livello cardiaco e della circolazione sanguigna.

Il trattamento con vapori termali è utile anche per chi è in sovrappeso perché aiutano l'organismo a eliminare le tossine e le scorie metaboliche, oltre a migliorare il ricambio idrico dei tessuti.

Lo stesso caldo scioglie ed elimina i grassi organici e combatte gli inestetismi provocati dalla cellulite perché la pelle ritorna elastica e tonica.

Anche i muscoli risultano più sciolti grazie all'alternato passaggio dal freddo al caldo e viceversa. 

 

Le grotte termali a calore umido. Sono particolarmente diffuse nelle zone vulcaniche della penisola. Negli ambienti naturali, in cui si svolgono le terapie, scaturiscono o vengono immesse acque di fonti termali che saturano l'ambiente con il loro vapore caldo - umido.

Le grotte sature di vapore acqueo a 40°C sono ad esempio quelle del Monte Kronio (le note Stufe di San Calogero), nei pressi della terme dei Sciacca e quelle di Monsummano in Toscana.

Il trattamento con il calore umido ha una tradizione che risale all'epoca paleolitica ed è utile per coloro che soffrono di patologie articolari degenerative con blocco delle articolazioni. 

 

Le grotte termali a calore secco (stufe). Uno dei pochissimi siti termali in Italia dove è possibile sfruttare i benefici naturali delle saune a calore secco, è rappresentato dalle Terme di Agnano di Napoli, situate sul fondo di un cratere vulcanico.

Le terapie termali praticate si giovano delle continue emissioni di idrogeno solforato nelle cosiddette "Stufe di San Germano", il cui calore secco ha un'azione efficace nelle patologie reumatiche di tipo muscolare.

È interessante anche l'emissione di acido carbonico nella caratteristica "Grotta del Cane", così chiamata per i macabri e crudeli esperimenti di un tempo atti a dimostrare l'emissione di gas. 

 

L'antroterapia termale (terapia in grotta). Studi sempre più approfonditi sull'antroterapia ne stanno sviluppando le prospettive scientifiche stimolando la ricerca di nuovi siti geologici vulcanici con caratteristiche tali da poter diventare efficienti strutture terapeutiche.



Fonti:

Elementi di idrologia medica per il corso di idrologia e climatologia medica - Roberto Gualtierotti - Edizioni Libreria dello Studente, Milano, 1974

Manuale di medicina termale - Agostini, G - Archimedica Editori, Torino, 2000





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 26/05/2017