Idroterapia: pratica naturale valorizzata da Kneipp

clicca per votare







Scritto da

Rachele Sardella


Pubblicato il 27/12/2011

Modificato il 27/12/2011

L'idroterapia è una pratica antica, non accreditata dalla scienza medica ufficiale, che ottiene risultati terapeutici evidenti e diffusi.

Basti pensare che uno dei fondatori, insieme all’abate Sebastian Kneipp, dell’idroterapia moderna, il medico ceco Vincent Priessnitz (1799-1851), in 25 anni ha curato con esiti positivi ben 40.000 pazienti.

 

Cosa significa idroterapia. È un modo assai differenziato di utilizzare l’acqua in funzione curativa che ha come principio fondamentale la provocazione di una reazione caldo-freddo che consente di recuperare le energie vitali.

Sono anche importanti sia l’azione fisica indotta dalla pressione più o meno accentuata dell’acqua e il suo sfregamento sulla pelle, sia la possibilità di aggiungere particolari sostanze chimiche.

 

Idroterapia perché. Lo scambio termico caldo - freddo è favorito dall’umidità ed è nettamente superiore a quello che avviene a secco (nell’aria).

L’idroterapia sfrutta una tale qualità provocando un’alternanza di stimoli caldi e freddi che favorisce in modo sistematico le reazioni.

Reazioni che possono essere quindi organizzate in cicli terapeutici adatti alle diverse patologie nervose, articolari, circolatorie e funzionali.

Questo vale in particolare per l’idroterapia praticata con acque termali.

 

I principi dell’abate Sebastian Kneipp (1821-1897). Questo insigne terapeuta ha elaborato le sue teorie fisiologiche in una pratica di successo e di evidente efficacia.

Il principio fondante scaturisce dalla constatazione delle disfunzioni circolatorie e dei rischi che queste comportano poiché il flusso ematico difettoso provoca una crescente tossicità del sangue.

In questi casi l’idroterapia, cioè l’uso dell’acqua in modo appropriato, è decisivo e ha un’alta efficacia terapeutica per numerose patologie.

Ad esempio l’uso dell’acqua fredda sulla pelle calda, per effetto della vasodilatazione, tonifica il nervo simpatico favorendo il ricambio e l’efficienza cardiaca.

 

La reazione benefica. L’idroterapia dopo soli 10-15 minuti provoca in genere un effetto stimolante sulla circolazione e un aumento della pressione vascolare che tende a riequilibrare tutte le funzioni corporee.

Kneipp definisce questo effetto come “pompa ematica” perché sposta elevate quantità di sangue in tutte le direzioni, potenziando sensibilmente l’irrorazione vascolare dei tessuti.

In questo modo scompaiono gli spasmi e i dolori, migliora la digestione e gli organi interni diventano più efficienti.

 

Il "percorso Kneipp" è oggi assai apprezzato e sempre più diffuso sia per la sua facilità d’uso (basta essere scalzi e in pantaloni corti) e sia per il basso costo di gestione in rapporto agli evidenti benefici.

In molti comuni europei, che promuovono una politica innovativa per la salute, questo breve percorso (60-90 metri) è stato creato in luoghi pubblici e l’uso è del tutto gratuito.

Si tratta di una sorta di corridoio a cielo aperto largo circa un metro dove si cammina su sassi di fiume per attivare la pompa ematica.

Si prosegue immersi fino al ginocchio tra getti di acqua calda e fredda, per favorire la circolazione negli arti inferiori con un più rapido drenaggio e una migliore ossigenazione dei tessuti.

È decisivo che l’idroterapia inizi e termini con il corpo caldo: l’azione fredda deve essere sempre di durata inferiore a quella calda.

 

ALCUNE TECNICHE IDROTERAPICHE

Bagni caldi 

Getti d’acqua calda / fredda

Semicupi in acqua calda / fredda

Bagni freddi

Impacchi caldi / freddi

Spugnature

Bagni ipertermici 

Irrigazioni nasali

Trattamento con argille

Compresse calde

Massaggio con ghiaccio

Trattamento con cagliata di latte 

Compresse di ricino

Rotolo caldo (Heisse Rolle)

Trattamento con fanghi 

Fieno greco 

Sacchetto di fieno o semi di lino

Trattamento con terre medicinali

Fomento di impacchi caldi

Sauna

Vapori

 



Fonti:

Elementi di idrologia medica per il corso di idrologia e climatologia medica - Roberto Gualtierotti - Edizioni Libreria dello Studente, Milano, 1974

Manuale di medicina termale - Agostini, G - Archimedica Editori, Torino, 2000





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 08/12/2016