Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Diabete di tipo 1: come intervenire e riconoscere i sintomi

Indietro

Diabete di tipo 1: come intervenire e riconoscere i sintomi

Diabete infantile di tipo 1
Diabete infantile di tipo 1 - iStockphoto.com






vota


Ogni anno in Italia circa 20.000 bambini e ragazzi di età compresa tra 0-18 anni scopre di avere il diabete di tipo 1, un numero raddoppiato negli ultimi cinque anni.

Per curare la malattia diabetica in modo efficace è necessario agire in tempi rapidi e riconoscere subito i sintomi del diabete di tipo 1. A questa esigenza risponde SIEDP – Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica – che promuove una campagna di informazione nazionale rivolta a genitori, insegnanti e pediatri per intervenire tempestivamente ed evitare complicanze come la chetoacidosi.

 

Quali sono i sintomi del diabete di tipi 1? Il diabete infantile si presenta quando le cellule del pancreas smettono di funzionare correttamente causando il calo di produzione di insulina e un aumento del livello di glucosio che passa dal sangue alle urine. È una condizione che si manifesta con abbondante pipì del bambino e tanta sete, difficile da placare. In presenza di questi sintomi, bisogna subito recarsi dal pediatra o al pronto soccorso per evitare la chetoacidosi.

 

Cos’è la chetoacidosi? È una delle complicanze del diabete infantili di tipo 1, tanto grave da provocare lesioni cerebrali responsabili di un complesso quadro clinico e della morte del bambino. La chetoacidosi si riconosce da sonnolenza, cefalea, respiro rumoroso, alito maleodorante. Da qui all’edema cerebrale il passo è breve.

 

Linee guida della SIDEP

 

Oltre alla propria casa, la scuola e gli studi pediatrici sono i luoghi in cui educatori e medici sono in diretto contatto con i bambini e le loro problematiche di salute. Per questo è importante che insegnanti e medici sappiano bene come agire in presenza di bambini con i sintomi di diabete di tipo 1.

 

SIDEP è in prima linea in questo obiettivo, e a partire dai primi mesi del 2016 diffonderà in migliaia di scuole e studi pediatrici italiani la guida su come riconoscere e intervenire in presenza dei sintomi della malattia diabetica infantile.

 

Intervenire entro le prime 2 ore dalla manifestazione dei sintomi può essere vitale. La dottoressa Ivana Rabbone, Responsabile Gruppo di Studio sul Diabete SIEDP, medico pediatra diabetologo  presso la Struttura Semplice Dipartimentale di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica Ospedale Regina Margherita, Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, afferma che:

 

“Sono fondamentali le prime 2 ore: si inizia con la somministrazione di soluzione fisiologia (acqua e sali) che permette di far fronte alla disidratazione che colpisce il bambino e porta a una riduzione della glicemia. Dopo le prime 2 ore di reidratazione è necessario iniziare la terapia insulinica per via endovenosa ma non prima di 1.5 – 2 ore dall’inizio dell’idratazione stessa. La velocità e il volume dell’infusione dipendono dallo stato circolatorio: solo in caso di shock sono permessi volumi maggiori, ma sempre per brevi periodi perché la somministrazione troppo prolungata di liquidi è un possibile fattore di rischio per l’edema cerebrale. Viene sconsigliato, nel corso della terapia, l’impiego di bicarbonato in quanto è stato riscontrato l’insorgere di gravi complicanze, come appunto lesioni cerebrali, dopo il suo utilizzo”.

 

Su ABCsalute.it ci siamo occupati più volte del diabete infantile e delle complicanze connesse a questa malattia, ma abbiamo anche parlato delle nuove possibilità di gestione e cura del diabete di tipo 1 grazie alle innovazioni tecnologiche. Per saperne di più, consigliamo la lettura dell’intervista in tre parti al Dott. Andrea Scaramuzza, Responsabile del Servizio di Diabetologia, Malattie del Metabolismo e Nutrizione presso la Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Milano, Ospedale “Luigi Sacco”.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 06/07/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.