Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Fertili dopo un tumore al seno. Si può grazie a una sperimentazione italiana

Indietro

Fertili dopo un tumore al seno. Si può grazie a una sperimentazione italiana

Fertili dopo il cancro al seno
Fertili dopo il cancro al seno - iStockphoto.com






vota


Il cancro al seno colpisce soprattutto donne over 50 anche se aumentano i casi di pazienti sotto i 40 anni. Nel 90% dei casi oggi è possibile guarire da un tumore al seno grazie alla diagnosi precoce e a una terapia tempestiva, ma la chemioterapia è una cura tanto aggressiva da compromettere la fertilità della donna guarita dal cancro al seno.

 

È possibile conservare la fertilità anche dopo la chemioterapia per curare il cancro al seno? In alcuni casi sì, è possibile, e le soluzioni sono due: congelare gli ovuli prima del trattamento chemioterapico per poi procedere a una fecondazione in vitro, oppure somministrare alla donna
la
triptorelina, un farmaco sperimentato in Italia.

 

La triptorelina è un medicinale incluso nella terapia farmacologica seguita dalla donna con cancro al seno, e serve ad addormentare gli ovuli in modo da proteggerli dagli effetti collaterali della chemioterapia.

Lo studio per sperimentare l’efficacia della triptorelina si è svolto tra il 2003 e il 2008 su 281 donne di 39 anni, dunque in pre-menopausa, e con tumore alla mammella. Le donne sono state divise in due gruppi, a uno di questi i medici hanno somministrato anche la triptorelina.

Il risultato ha rivelato una sostanziale differenza: nel gruppo di pazienti trattate anche con la triptorelina ci sono state 8 gravidanze mentre nell’altro 3; inoltre, le mestruazioni sono tornate nel 72,6% delle pazienti sottoposte alla cura sperimentale e nel 64% di quelle curate solo con chemioterapia.

Se confermato da altre ricerche, questo risultato rappresenterebbe un importante traguardo per la medicina e un grande sollievo per le donne desiderose di diventare mamme dopo aver sconfitto il tumore al seno.

 

È possibile leggere un dettagliato approfondimento sull’esito di questa sperimentazione italiana nell’articolo dedicato e pubblicato sulla rivista Jama.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/09/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.