Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Diabete infantile: Intervista al Dott. Andrea Scaramuzza – 1a parte

Indietro

Diabete infantile: Intervista al Dott. Andrea Scaramuzza – 1a parte

Diabete infantile
Diabete infantile - Fotolia






vota


Pubblichiamo oggi la prima di tre interviste fatte al Dott. Andrea Scaramuzza per conoscere e indagare alcuni aspetti del diabete infantile.
Il Dott. Andrea Scaramuzza è Responsabile del Servizio di Diabetologia, Malattie del Metabolismo e Nutrizione presso la Clinica Pediatrica dell’Università degli Studi di Milano, Ospedale “Luigi Sacco”.

 

Diabete infantile, impariamo a conoscerlo

 

1. In Italia, circa 4 milioni di persone convivono con il diabete. Di queste, qual è la percentuale dei diabetici in età pediatrica e quale tipo di diabete in particolare riguarda i bambini?
In Italia vi sono circa 4 milioni di persone che soffrono di diabete, il 95% dei quali hanno il diabete di tipo 2, più frequente oltre i 40 anni in persone con forte familiarità, obese e sedentarie.Il restante 5%, pari a circa 200.000 mila persone, ha il diabete tipo 1 che è molto frequente tra i 14-16 anni, in età pediatrica.

In questo momento si stima che i pazienti con diabete tipo 1 fino a 18 anni in Italia siano circa 20.000, 4.000 nella sola Lombardia. Pochissimi invece sono i pazienti in età pediatrica con altre forme di diabete come quello di tipo 2, monogenico o neoanatale.

 

2. A differenza di un adulto, i bambini non sempre sanno comunicare disturbi e difficoltà anche ricorrenti potenzialmente correlati a una patologia, dunque come si riconoscono i sintomi di diabete infantile, come si manifesta?
La diagnosi di diabete infantile è piuttosto semplice da fare perché la malattia è caratterizzata dalla triade: poliuria – bisogno di urinare frequentemente;
polidispia – necessità di bere molto, in media più di 3 litri d’acqua al giorno;
dimagrimento, nonostante i bambini-ragazzi spesso si alimentino più del solito.
Sono sintomi evidenti, eppure capita di frequente che in ospedale arrivino pazienti in gravi condizioni perché il medico consultato non ha pensato alla possibilità del diabete.

Dunque, per rispondere alla domanda, spesso la difficoltà non è comprendere il bambino ma ricondurre i sintomi alla giusta patologia, quella diabetica.

 

3. Quali sono le conseguenze per la crescita?
Se ben curato, il diabete non ha alcuna conseguenza sulla crescita, né staturo-ponderale né sullo sviluppo sessuale.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 05/08/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.