Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Dislessia: come migliorare le capacità di lettura

Indietro

Dislessia: come migliorare le capacità di lettura

Stimolazione elettrica per dislessia
Stimolazione elettrica per dislessia - iStockphoto.com






vota


La dislessia è una malattia multifattoriale dovuta in modo particolare a cause genetiche, biologiche e ambientali. In Italia, il 3% dei bambini in età scolare è dislessico, e la difficoltà a leggere in modo fluente si ripercuote sulle capacità e i tempi con cui si assimilano le nozioni causando problematiche anche relazionali e sociali.

 

La logopedia dà ai bambini gli strumenti per gestire la dislessia ed educare la capacità della lettura, ma da sola non basta a risolvere il disturbo. I ricercatori di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con la supervisione della dottoressa Deny Menghini e in collaborazione con il Laboratorio di Stimolazione Cerebrale della Fondazione Santa Lucia, hanno svolto una sperimentazione per testare l’efficacia della stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) sui bambini dislessici.

 

La stimolazione elettrica, di intensità così bassa da essere impercettibile, si è dimostrata utile per risvegliare la plasticità di alcune aree del cervello assopite ed è usata per il trattamento di epilessia focale e depressione. Da qui, l’idea di sperimentarne l’uso anche per la dislessia.

 

I ricercatori hanno applicato due elettrodi sullo scalpo di 19 bambini e adolescenti di età compresa tra i 10 e i 17 anni, 20 minuti per 3 volte a settimana, per 6 settimane, e avviato una sperimentazione in doppio cieco: né i volontari né gli sperimentatori impegnati nella valutazione dei risultati sapevano chi aveva ricevuto il trattamento attivo e chi quello placebo. È emerso che i bambini e i ragazzi con effettiva tDCS hanno dimostrato un miglioramento del 60% nella velocità e accuratezza di lettura.

 

Perché la stimolazione transcranica a corrente diretta diventi una terapia a tutti gli effetti, è necessario testare la sua efficacia nel tempo, dunque per un periodo molto più esteso rispetto a 20 minuti per tre volte a settimana per circa due mesi, ma quello dimostrato è un risultato incoraggiante per bambini, ragazzi e genitori che convivono con la dislessia e le difficoltà correlate.
Infine, è necessario precisare che, qualora si dimostrasse efficace nel lungo periodo, la tDCS sarebbe una terapia compresente alla logopedia e non sostitutiva.

 

I risultato dello studio sono stati riportati in un articolo pubblicato sulla rivista Restorative, Neurology and Neuroscience e di cui si può leggere l’abstract su PubMed.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Ho preso visione delle Avvertenze di Rischio  e delle Condizioni d'uso del sito.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 24/11/2017